Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Houseboat, viaggiare "slow" tra le isole della laguna veneta

Venezia, 8 apr. (askanews) - Un viaggio alla scoperta delle "isole minori" della laguna veneta: Vignole, Sant'Erasmo, Burano e Mazzorbo. Si salpa in barca. Il ritmo di navigazione è lento, per assaporare con calma il paesaggio, nel rispetto dell'ambiente e della fauna locale. Il turismo fluviale in barca è già molto diffuso in Europa e in particolare in Francia e in Olanda. Ma negli ultimi anni sta trovando un favore crescente anche in Italia. Grazie al connubio fra natura, arte e enogastronomia. Come ha spiegato Carlo Moretti, CEO di Houseboat Holidays Italia, una compagnia di charter che opera principalmente in Veneto e Friuli Venezia Giulia: "Senza dubbio - ha sottolineato -le aree che proponiamo hanno un valore aggiunto incredibile. Più gente le conosce e più torna. Il trend del turismo fluviale in Italia è in crescita in percentuale maggiore a quello degli altri stati europei" , ha dichiarato. Houseboat propone due itinerari, uno in Veneto e un altro in Friuli Venezia Giulia. Nel primo si parte da Casale sul Sile, un fiume del trevisano, per sfociare nella laguna di Venezia, dopo un percorso fra ville, salici piangenti e antichi casolari. I turisti, principalmente famiglie, possono poi sbizzarirsi fra tante destinazioni poco battute, ma non meno affascinanti di Venezia. Ed è quello che il turismo in houseboat si propone: dislocare in aree del territorio un po' meno famose, ma incredibilmente attraenti, turisti che sennò sarebbero finiti nelle solite aree del turismo di massa". Si può ad esempio visitare il convento di San Francesco del Deserto. Oppure attraccare a Mazzorbo, davanti alla coloratissima Burano; o ancora godersi un tramonto nella semideserta Sant'Erasmo. Senza rinunciare a un viaggio a Venezia. Sempre nel rispetto dell'ambiente e della filosofia del viaggio slow, quest'anno Houseboat inaugurerà un nuovo modello per la flotta: la Minuetto Hybrid, la prima imbarcazione da diporto ad alimentazione ibrida, che consentirà di ridurre l'impatto ambientale prodotto dalla navigazione su ecosistemi delicati come, ad esempio, quello della laguna di Venezia.