Identità, nazione, rito: i significati di Yael Bartana a Modena

La mostra alla Fondazione Modena Arti Visive

03.12.2019 - 16:02

0

Modena, 2 dic. (askanews) - "Mi ha colpito un'affermazione di Yael Bartana che parlando, qualche tempo fa, del suo lavoro diceva: "Non mi importa più di tanto dell'arte. Ciò che davvero mi interessa è stimolare una riflessione sostanziale, anche a costo di uscire dal territorio dell'arte". È una dichiarazione molto forte. Sintetizza una prospettiva civile e civica che incrocia, in maniera 'determinante', ossia fino a determinarle, la sua poetica e la sua espressività" così il direttore della Fondazione Modena Arti Visive all'inagurazione della mostra "Yael Bartana. Cast Off".

L'esposizione, prodotta da Fondazione Modena Arti Visive e curata da Chiara Dall'Olio, propone una serie di installazioni video e fotografiche dell'artista israeliana, il cui lavoro, intrecciando realtà e finzione, ruota attorno alle tematiche dell'identità, del rito, dello stato-nazione.

Il percorso espositivo, che si diffonde su due piani di Palazzo Santa Margherita, si apre con il video in bianco e nero "The Recorder Player from Sheikh Jarrah", girato nel 2010 in occasione di una protesta pacifica durante la quale una manifestante suona un flauto dolce davanti a una fila compatta di militari israeliani, schierati di fronte a coloro che stanno contestando l'espulsione dei residenti musulmani dai dintorni di Gerusalemme a opera dei coloni ebrei.

Nella stessa sala è installato il video del 2017 "Tashlikh (Cast Off)", che mette in scena una carrellata performativa e simbolica in slow motion di oggetti su sfondo nero. Gli oggetti provenienti da diversi contesti e storie appartengono sia ai carnefici che alle vittime di persecuzioni etniche, genocidi e guerre. Il titolo Tashlikh - che letteralmente significa gettar via - fa riferimento a un'antica pratica dell'Ebraismo, durante la quale i peccati dell'anno precedente sono simbolicamente rappresentati da un oggetto, che viene gettato nell'acqua corrente. In quest'opera, Bartana dilata questo rito secolare e crea un flusso di oggetti personali, abiti, fotografie, sciarpe.

La curatrice della mostra, Chiara Dall'Olio commenta così il lavoro di Yael Bartana: "Il suo sguardo porta a interrogarci sul significato di concetti come "identità", "nazione", "rito" e sulle valenze anche politiche che, oggi più che mai, queste parole hanno nel mondo contemporaneo. In un'Italia e in un'Europa che stanno affrontando tensioni nazionaliste e spinte separatiste, che si stanno domandando se possa essere ancora attuale l'Europa senza frontiere dell'accordo di Schengen del 1985 o se si stia progressivamente e inesorabilmente andando verso una chiusura identitaria e sovranista, l'arte di Yael Bartana, offre spunti di riflessione di grande interesse e sprona a sua volta il pubblico a interrogarsi sul significato di questi temi, che non sono legati ad un solo ambito geopolitico, ma che toccano tutti".

Nelle sale superiori è proiettato "True Finn" del 2014, un'opera incentrata su otto residenti finlandesi di etnie, religioni e provenienze differenti, che s'interrogano sul significato dell'essere finlandesi. In quest'opera Bartana si confronta con i meccanismi coinvolti nella costruzione di un'identità nazionale in un contesto completamente differente da quello delle sue origini.

Il video "A Declaration" del 2006 - presente nella collezione della Fondazione Cassa di Risparmio di Modena - è il primo in cui l'azione ripresa non appartiene alla realtà, ma è una finzione cinematografica creata dall'artista. Il lavoro documenta una messa in scena, la sostituzione della bandiera israeliana - presente su uno scoglio della baia di Jaffa - con un albero di ulivo.

La mostra visitabile fino al 13 aprile 2020 prevede anche un artist talk fra l'artista e la curatrice della mostra, mercoledì 12 febbraio alle ore 18 A Palazzo Santa Margherita.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Segre: parliamo d'amore, lasciamo odio agli anonimi da tastiera

Segre: parliamo d'amore, lasciamo odio agli anonimi da tastiera

Milano, 10 dic. (askanews) - "Siamo qui per parlare d'amore e non di odio. Lasciamo l'odio agli anonimi della tastiera". Questo uno dei passaggi del discorso di Liliana Segre in piazza della Scala a Milano, dove si è conclusa la manifestazione dei sindaci contro l'odio. "Insieme - ha detto - guardiamoci da amici, anche se ci incontriamo solo per un attimo. La poesia "Agli amici" di Primo Levi, ...

 
Segre: l'odio si combatte tenendo viva la memoria

Segre: l'odio si combatte tenendo viva la memoria

Milano, 10 dic. (askanews) - "Quando ho trovato la forza di raccontare guardavo e guardo ai giovani e spero molto in loro, forse future candele della memoria. L'odio si combatte tenendo viva la memoria. E' nell'oblio della nostra storia che passa il messaggio dell'indifferenza. Stasera non c'è indifferenza, ma un'atmosfera di festa, cancelliamo le parole odio e insofferenza per una società fatta ...

 
Santa Madre Teresa di Calcutta, quarant'anni fa la consegna del Premio Nobel per la pace Il video
L'anniversario

Video Santa Madre Teresa di Calcutta, quarant'anni fa la consegna del Premio Nobel per la pace

Esattamente quarant'anni fa Madre Teresa di Calcutta ottenne il Premio Nobel per la Pace. Era il 10 dicembre del 1979, infatti, quando Anjezë Gonxhe Bojaxhiu (questo il suo nome) ritirò ad Oslo quello che può essere considerato il riconoscimento più importante del mondo. Tra le motivazioni fu specificato il suo grande impegno per i poveri tra i poveri e il suo rispetto per il valore e la dignità ...

 
La strage di Piazza Fontana raccontata su Rai 1 in "Io ricordo"

La strage di Piazza Fontana raccontata su Rai 1 in "Io ricordo"

Milano, 10 dic. (askanews) - La strage di Piazza Fontana raccontata dal punto di vista dei familiari delle vittime che oltre alla perdita non hanno avuto una verità giudiziaria. E' questo il difficile compito di "Io ricordo" la docufiction in onda su Rai1 in prima serata il 12 dicembre in occasione dei 50 anni da quei tragici eventi come racconta il regista Francesco Miccichè: "La strage di ...

 
Samanta Togni si sposa: tutti gli ex fidanzati e chi è la bella ballerina

Verso il matrimonio

Samanta Togni si sposa: tutti gli ex fidanzati e chi è la bella ballerina

Samanta Togni si sposa con Mario Russo (LEGGI qui). La ballerina umbra è una delle big di Ballando con le Stelle dal 2005, maestra adorata alla quale sono stati attribuiti, ...

10.12.2019

Gravissimo lutto per il cantante Al Bano

L'addio

Gravissimo lutto per il cantante Al Bano

Un grave lutto ha colpito il cantante Al Bano Carrisi. E' morta a Cellino San Marco, la mamma Jolanda. La madre di Al Bano aveva 96 anni. A dare la notizia è stato stato il ...

10.12.2019

Samanta Togni, big di Ballando con le stelle, sposa il chirurgo Mario Russo: ci sono le pubblicazioni

Matrimonio

Samanta Togni, big di Ballando con le stelle, sposa il chirurgo Mario Russo: ci sono le pubblicazioni

Samanta Togni si sposa. Dalle dichiarazioni degli scorsi mesi su un suo matrimonio a metà febbraio, all'ufficialità di oggi. Ci sono infatti le pubblicazioni, affisse da ...

10.12.2019