Chirurgia da remoto: IIT e Vodafone portano la Sanità nel futuro

Utilizzo del 5G: i risultati del Biomedical Robotics Laboratory

11.10.2019 - 17:30

0

Milano, 11 ott. (askanews) - Intervenire chirurgicamente su un paziente a distanza di chilometri: una ipotesi impossibile ancora solo due anni fa, ma ora sempre più attuale e concreta. IIT ha partecipato alla sperimentazione che Vodafone sta svolgendo a Milano sulla applicazione del 5G contribuendo con la messa a punto delle tecnologie per la Sanità da remoto: una attività che ha visto impegnati i ricercatori del Biomedical Robotics Laboratory di IIT e i cui risultati sono stati presentati - insieme ad altre sperimentazioni - nel corso di una giornata al Vodafone Village.

"Il 5G oggi, e in futuro sempre di più, ci permette di ridurre, anzi, di annullare le distanze fisiche mettendoci in uno stesso unico posto dal punto di vista digitale. Quindi l'operatore, o nel caso del nostro robot chirurgico, o l'intelligenza artificiale che guida il robot nel caso del nostro robot assistito, non devono essere più nello stesso posto dove è presente il robot che esegue - spiega Gian Marco Montanari, direttore generale dell'Istituto Italiano di Tecnologia - Questo ci permette di raggiungere delle grandi economie di scala e di scopo; e in un'epoca dove si parla tanto di sostenibilità ci permette anche di ridurre decisamente gli spostamenti: e non c'è niente di più sostenibile".

Nel corso della presentazione IIT ha eseguito in collaborazione con l'Ospedale San Raffaele il primo intervento in Italia di chirurgia da remoto su rete 5G su un modello artificiale di laringe. "La tecnologia è già a un punto di maturazione molto alto - dice Leonardo de Mattos del Biomedical Robotics Laboratory di IIT - E già possiamo pensare sia al trasferimento a un'azienda sia alla creazione di start up. Gli strumenti oggi si sono comportati benissimo quindi abbiamo avuto anche una prova di affidabilità e robustezza del sistema. Siamo molti contenti e l'esperienza di oggi ci dà ancora una spinta verso un trasferimento tecnologico per l'utilizzo clinico e per migliorare la qualità di vita delle persone" .

Il lavoro svolto da IIT e Vodafone sono l'esempio di come lo sviluppo sempre più rapido della tecnologia è reso possibile solo da un nuovo modello di cooperazione e collaborazione tra realtà profondamente diverse.

"Abbiamo imparato che la cosa più importante è che per realizzare la grande potenzialità in termini di trasformazione che 5G ha su tutti i settori e anche sulla Sanità bisogna lavorare in modo molto diverso - conferma Sabrina Maggioni direttore Programma 5G Vodafone Italia - bisogna collaborare, avviare tavoli con dinamiche che non sono quelle tradizionali, bisogna co-creare e bisogna mettere funzionalmente al tavolo tutte le competenze. La seconda cosa che abbiamo imparato è che per riuscire a dare una risposta vera bisogna partire dalla persona, bisogna partire dal paziente, bisogna partire dal singolo e tornare indietro disegnare le nuove soluzioni".

"Le collaborazioni tra aziende e istituti che fanno mestieri diversi è fondamentale - conclude Montanari - perché bisogna fare sistema per produrre un servizio, un prodotto, che alla fine è frutto di tante scienze. Noi ci mettiamo la tecnologia Vodafone ci mette il trasporto e l'archiviazione dei dati, le cliniche con cui abbiamo sperimentato i nostri robot ci mettono i pazienti e il saper fare la chirurgia e all'assistenza".

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge"

(Agenzia Vista) Roma, 23 ottobre 2019 Russiagate, Conte: "Informando ministri violavo legge" Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, in conferenza stampa a Palazzo Chigi al termine della sua audizione al Copasir: "Avverto una grande responsabilità, che qualcuno rappresenta come un potere, sull'intelligence. Cerco di interpretare questo compito nel rispetto della legge: la responsabilità ...

 
Raffaella Carrà contro "La vita in diretta": manca d'ironia

Raffaella Carrà contro "La vita in diretta": manca d'ironia

Roma, 23 ott. (askanews) - Raffaella Carrà contro "La vita in diretta" e Rai1. Lo fa nel corso della conferenza stampa di presentazione della seconda stagione di "A Raccontare Comincia Tu", in onda su Rai3 da giovedì 24 ottobre. "La tv dal vivo per me è meravigliosa. Guardo un po' tutto, non tutto mi piace. Mi fa soffrire quando un programma potrebbe essere fatto meglio per un pizzico di scelte ...

 
Russiagate, Conte: io ho chiarito, Salvini spieghi su Savoini

Russiagate, Conte: io ho chiarito, Salvini spieghi su Savoini

Roma, 23 ott. (askanews) - "Rimango sorpreso quando Salvini si ritrova a pontificare quotidianamente sulla questione Barr, mi ha sollecitato a chiarirla. Credo che sia legittima la sua richiesta di chiarimento, eccomi qui. Io la verità l'ho riferita in sede istituzionale, mi sorprende come Salvini, che ha una grande responsabilità perchè era ministro dell'Interno e si è candidato a guidare il ...

 
Un sedicenne senese tra i prescelti per Sanremo Giovani

Siena

Un sedicenne senese tra i prescelti per Sanremo Giovani

C'è anche un senese tra i 65 nomi che hanno superato la prima selezione di Sanremo Giovani. E' Leonardo Tomarelli, sedicenne di Chianciano Terme che si è presentato con la ...

22.10.2019

Gli artisti senesi dipingono il cavallo per beneficenza

Siena

Gli artisti senesi dipingono il cavallo per beneficenza

Inaugurata la mostra “Cavalli d’Autore” curata da Elena Conti che fino al 27 ottobre sarà in esposizione in Sala San Pio al Santa Maria della Scala. L’esposizione chiama a ...

21.10.2019

Torna la "Notte dei ricercatori"

SIENA

Torna la "Notte dei ricercatori"

Torna la Notte dei Ricercatori in Toscana. E’ tutto pronto per la manifestazione dedicata all’incontro con la scienza, che venerdì 27 settembre vedrà coinvolti in tutta la ...

17.09.2019