Prima i sauditi si è rivelato un boomerang

Prima i sauditi si è rivelato un boomerang

07.08.2019 - 18:00

0

A Riad la politica del Prima i sauditi ha messo in ginocchio l’economia del Regno. Per capire questo classico caso di eterogenesi dei fini occorre riavvolgere il nastro al 2017. Quando per ridurre il tasso di disoccupazione tra gli autoctoni, schizzato al 12,9%, il governo dell’Arabia Saudita decise di cambiare la sua politica migratoria. Con l’obiettivo di svuotare il serbatoio di 12 milioni di immigrati (su un totale di 32 milioni di abitanti) che dal 1970 aveva attirato nell’industria edilizia, petrolifera e dei servizi alla persona. Per incentivarli a tornare a casa l’esecutivo wahabita decise di introdurre una tassa sui lavoratori dipendenti stranieri e il divieto di impiegarli in determinati settori.

Il vero grande problema è che oggi, 48 mesi dopo, l’operazione è riuscita alla grande. Tant’è che oltre 1 milione di immigrati ha fatto le valigie lasciando liberi altrettanti posti che, qui l’enorme imprevisto, nessuno dei disoccupati autoctoni ha voluto rimpiazzare. Per la semplice ragione che in quella che è dopo gli Usa la seconda meta mondiale per numero di stranieri in proporzione alla popolazione, i nuovi arrivati trovano sì occupazione ma come bassissima manovalanza a pessime condizioni retributive e di vita. Prova ne è il fatto che dal momento in cui entrano nel paese, le loro sorti, libertà di movimento inclusa, dipendono dai padroni sauditi che detengono, come strumenti di ritorsione, i rispettivi passaporti.

Il risultato è che adesso il governo non sa che pesci prendere. Se torna sui suoi passi, rischia di perdere credibilità e consenso tra i tanti sostenitori del Prima i sauditi. Ma se va avanti su questa strada deve fare i conti con la rabbia e la frustrazione dei disoccupati autoctoni che chiedono lavoro all’altezza delle loro aspettative. E con i tanti imprenditori che nonostante il ciclo economico assai poco favorevole (complice il crollo del prezzo del petrolio sotto i 55$ al barile) hanno bisogno di manodopera che non trovano.

Una disavventura, quella del governo saudita, forse utile ai tanti che in mezzo mondo, soprattutto occidentale, credono di dettare a colpi di norme e slogan tempi e modi delle dinamiche migratorie. Sottovalutando i desiderata di Sua Maestà il mercato.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Mes, scontro tra Borghi (Lega) e Sensi (Pd): "Se vuole interrogare Caracciolo lo faccia al Bar"

Mes, scontro tra Borghi (Lega) e Sensi (Pd): "Se vuole interrogare Caracciolo lo faccia al Bar"

(Agenzia Vista) Roma, 10 dicembre 2019 Mes, scontro tra Borghi (Lega) e Sensi (Pd): "Se vuole interrogare Caracciolo lo faccia al Bar" Scontro durante l’audizione di Lucio Barra Caracciolo (giurista ed ex sottosegretario agli Affari europei nel Governo Conte 1) in commissione Bilancio a Montecitorio. Il deputato dem Filippo Sensi chiede a Barra Caracciolo di rispondere in merito a delle ...

 
Filippine, Bono Vox contro Duterte a difesa dei diritti umani

Filippine, Bono Vox contro Duterte a difesa dei diritti umani

Roma, 10 dic. (askanews) - Non ci possono essere compromessi quando si tratta di diritti umani. Questo il messaggio lanciato dal frontman degli U2 Bono Vox in occasione del primo concerto del rocker a Manila nelle Filippine. Un messaggio diretto al presidente Rodrigo Duterte che da quando è salito al potere nel 2016 ha messo in atto una guerra alla droga che ha portato all'uccisione di migliaia ...

 
Evasione, Boccia (Confindustria): "Confisca preventiva mette ansia al mondo dell'economia"

Evasione, Boccia (Confindustria): "Confisca preventiva mette ansia al mondo dell'economia"

(Agenzia Vista) Roma, 10 dicembre 2019 Evasione, Boccia (Confindustria): "Confisca preventiva mette ansia al mondo dell'economia" "Confisca preventiva mette ansia al mondo dell'economia". Così il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, intervenuto dal palco della seconda giornata del Rome Investment Forum 2019 presso le Scuderie di Palazzo Altieri. /courtesy Youtube www.FASI.biz Fonte: ...

 
Roma, lavoratori ex-Ilva in piazza: "No esuberi, andremo avanti"

Roma, lavoratori ex-Ilva in piazza: "No esuberi, andremo avanti"

Roma, 10 dic. (askanews) - Migliaia di lavoratori sono scesi in piazza a Roma, a Santissimi Apostoli, per protestare contro gli esuberi annunciati da ArcerlorMittal. Fra loro almeno mille sono arrivati dall'ex Ilva di Taranto, ma anche da Genova e Racconigi. Il ritrovo della manifestazione organizzata da Cgil, Cisl e Uil. Chiedono esuberi zero, rigettano il nuovo piano industriale proposto da ...

 
Luci in 3D e concerto con 600 bambini in Piazza del Campo

IL CASO

Luci in 3D e concerto con 600 bambini in Piazza del Campo

Sabato 14 dicembre 2019, alle ore 18, la luce sarà protagonista di effetti 3D sul Palazzo Comunale in Piazza del Campo. Il tema, come accaduto già in Piazza Matteotti, sarà ...

10.12.2019

"Franci", Festival finale di stagione con il concerto ai Rozzi

APPUNTAMENTO

"Franci", Festival finale di stagione con il concerto ai Rozzi

La stagione 2019 "Franci Festival four seasons" si chiude venerdì 13 dicembre sul palco dei Rozzi con l’ultimo concerto della rassegna di musica da camera del Conservatorio ...

10.12.2019

Belen Rodriguez si confessa: "So baciare benissmo. Il bacio è il mio punto forte e ci tengo" Il video

L'intervista

Video Belen si confessa: "So baciare benissmo. Il bacio è il mio punto forte"

"So baciare benissimo. Il mio punto forte è il bacio. E ci tengo tanto". Parola di Belen Rodriguez che si confessa in una Witty Skills su wittytv, la web tv che raccoglie ...

10.12.2019