Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Coronavirus, il sindaco di Torrita di Siena: "Gioia per una nuova guarigione ma che dramma i funerali"

Giuseppe Silvestri
  • a
  • a
  • a

di Gennaro Groppa Emergenza Coronavirus. A Torrita, in provincia di Siena, qualche giorno fa c'è stata una seconda persona guarita. Il sindaco Giacomo Grazi l'ha definita "una bellissima notizia". E' stata l'occasione per fare il punto della situazione di uno dei comuni più colpiti che conta tre decessi. Aspetto che secondo il primo cittadino è dovuto anche al fatto che “Abbiamo vie di comunicazioni importanti e il nostro paese è densamente abitato. Abbiamo avuto la sfortuna di avere persone colpite dal virus di ritorno da zone nelle quali ci sono stati tanti casi. Abbiamo vissuto due settimane molto pesanti, adesso lo scenario è più gestibile”. Come va la situazione per mascherine e buoni spesa? “La nostra farmacia è ben fornita di mascherine. Come Comune daremo presto un ulteriore supporto con una consegna massiva dei dispositivi che arriveranno da Regione e Protezione Civile. Per quanto concerne il sostegno alla popolazione, abbiamo Caritas e banco alimentare che funzionano da anni. Verifichiamo le richieste di sostegno e andiamo a fare spesa portandola a casa”. Quando è giusto che parta la fase 2? “Da noi non si può riaprire tutto domani, sarebbe sbagliato, non siamo ancora nelle condizioni di poterlo fare”. Su cosa concentrerà il suo lavoro nei prossimi giorni? “Dobbiamo mettere in sicurezza gli uffici comunali con i distanziatori e i separatori. A fine mese in consiglio comunale ci saranno la variazione di bilancio per l'occorrente per l'emergenza Covid-19 e il bilancio consuntivo, parleremo del fondo speciale che abbiamo allestito. Ci sono già state donazioni di imprese, anche dipendenti comunali e amministratori potranno versare una quota per questa emergenza”. Quali sono stati i momenti più brutti di questo periodo? “I funerali sono stati drammatici, senza che amici e parenti potessero essere presenti, sono stati i momenti più brutti che ho vissuto da amministratore. Adesso sembra che il peggio sia passato, ma l'attenzione deve restare alta”.