Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

"Abbiamo visto la morte in faccia"

L'incidente

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

Quando la sorte è benevola non si può che esserne felici. Il destino ha veramente dato una mano a quattro giovani di Poggibonsi (di 23, 32, 31 e 27 anni) che nella notte tra il 18 e il 19 luglio sono stati sfortunati protagonisti di un terribile incidente. L'auto sulla quale viaggiavano, una Mini, si è ribaltata due o tre volte prima di finire in un fosso. Il tutto a causa di un impatto con un'altra autovettura. Ma miracolosamente, è proprio il caso di dirlo, nessuna delle quattro persone che si trovavano nell'auto (così come la conducente dell'altra automobile) ha riportato ferite gravissime o letali. Il destino è stato veramente benevolo. L'incidente è avvenuto a Roselle attorno alle 23.30. Un incrocio, un istante, la luce di un'altra macchina e l'impatto. Poi l'auto che ha girato su se stessa. Nessuno dei quattro occupanti del mezzo ha perso conoscenza e incredibilmente tutti e quattro sono riusciti ad uscire dal veicolo incidentato. Nel frattempo l'altro veicolo si era schiantato contro un grosso pino: anche in quel caso la macchina ha riportato grandi ammaccature, ma la conducente non ha riportato gravi ferite. “Abbiamo visto la morte in faccia”, ci racconta la poggibonsese M.F., una delle quattro persone che si trovavano nella vettura. “Certi momenti sono indescrivibili. Noi stavamo viaggiando a bassa velocità. Alla fine credo sia stato un miracolo che siamo ancora vivi. La macchina ha retto l'urto, la cintura e l'airbag hanno funzionato. Ce la siamo cavata con una clavicola rotta e contusioni varie riportate da ognuno di noi. E da due giorni praticamente non dormiamo per lo shock che abbiamo avuto”.