Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Minaccia moglie e figli di farli esplodere

default_image

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Ha minacciato la moglie di 36 anni ed i figli di raggiungere la loro casa e di farsi esplodere. Nei mesi scorsi aveva più volte maltrattato la compagna davanti ai piccoli tanto che la donna aveva lasciato l'abitazione chiedendo la separazione. Così la Polizia di Poggibonsi ha fermato un uomo di 45 anni su richiesta del Gip del tribunale di Siena. Per lui scatta il divieto di avvicinamento e di comunicazione, con qualsiasi mezzo, con la vittima e i figli. La situazione emersa dalle indagini è stata definita dagli inquirenti, "agghiacciante". Dopo le ripetute violenze subite la donna aveva deciso di lasciare il marito per stabilirsi in un'altra abitazione con i piccoli, cercando di liberarsi dallo stato di pericolo cui era continuamente sottoposta. Oltre a messaggi, minacce, incursioni sul luogo di lavoro, in una circostanza l'ex marito si era addirittura presentato di fronte alla 36enne all'interno del suo negozio brandendo un'ascia, con cui aveva danneggiato una grata di protezione della vetrina. Circa venti giorni fa l'uomo, telefonicamente, ha minacciato di raggiungere lei e i figli dicendole che si sarebbe fatto esplodere, uccidendo tutta la famiglia. La polizia immediatamente ha raccolto la denuncia della vittima ed attivato la procedura prevista dal cosiddetto “Codice Rosso”. Le indagini successive, coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Siena e condotte dai poliziotti, hanno consentito di ricostruire il quadro delle violenze subite, già perduranti dal passato, che si erano aggravate negli ultimi mesi segnando una significativa escalation che andava assolutamente interrotta. A seguito dei riscontri investigativi e degli elementi gravemente indiziari e probanti raccolti, il Gip ha quindi emesso il provvedimento, subito eseguito dalla Squadra di PG del Commissariato che ha fermato l'uomo in un comune limitrofo. Ora dovrà osservare scrupolosamente le prescrizioni imposte dalla misura cautelare per non aggravare ulteriormente la sua posizione.