Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Salvini in visita al carcere di Ranza, applausi dagli agenti

Andrea Bianchi
  • a
  • a
  • a

Sorrisi, strette di mano, qualche applauso. Così è stato accolto dagli agenti della polizia penitenziaria di San Gimignano (Siena) il segretario della Lega Matteo Salvini. E' stato in visita al carcere di Ranza per incontrare gli agenti indagati per presunti pestaggi e torture ai detenuti. All'uscita dal carcere Salvini ha affermato: "Tra guardie e ladri io sto sempre dalla parte delle guardie". Un incontro interessante per il segretario della Lega con "quelli che sono onesti lavoratori e che fanno uno dei lavori più difficili al mondo" ha aggiunto Salvini. Secondo Salvini gli agenti sono stati condannati ancor prima del processo: "Gli uomini e le donne in divisa di polizia penitenziaria non meritano di esser trattati come delinquenti, assassini o torturatori" "Mi risulta - ha concluso - che ci sia un video, che tutti gli italiani possano vedere queste immagini e gli italiani si faranno la loro idea". Muove poi una critica nei confronti del ministro della Giustizia Bonafede, perché sarebbe "più vicino ai detenuti che ai suoi lavoratori". I sindacati di polizia hanno chiesto di istituire la figura del Garante delle Forze di Polizia. "Mi sembra una richiesta assolutamente legittima e ringrazio i sindacati per le battaglie che fanno", chiude Salvini. L'approfondimento di Filippo Tecce sul Corriere di Siena in edicola il 27 settembre 2019