Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, Emma Villas-Modena è anche una sfida tra i fratelli Ngapeth

  • a
  • a
  • a

Questo pomeriggio la  Emma Villas Aubay ospita Modena per una partita di grande richiamo, visto il blasone della società ospite, che sarà anche una sfida tra fratelli. Swan ed Earvin Ngapeth si ritroveranno infatti dalle due parti della rete, il primo con la maglia senese e il secondo con quella emiliana. Sarà tra l’altro la prima volta che i due francesi si troveranno a giocare un match da avversari. “Non ho mai voluto nella mia vita che mio fratello perdesse una partita - sorride Swan. - Ora posso dire che c’è sempre una prima volta, dato che in questa occasione spero di portarmi a casa la vittoria”. Gli risponde Earvin: “Chi perde dovrà pagare una cena”.

 


I due sono cresciuti in una famiglia di sportivi, con il padre allenatore di pallavolo. Sin da bambini, quindi, hanno conosciuto questo mondo e si sono rapidamente appassionati al volley. Afferma lo schiacciatore di Siena: “Earvin ha iniziato a giocare un anno prima di me. Vinse il campionato Under 13 e fu proprio questo a convincermi a cominciare a giocare l’anno seguente nel quale poi vincemmo ancora, questa volta giocando insieme. Sono sempre stato in palazzetti con mio padre a guardare i suoi allenamenti, rimanevo a giocare alla fine con Earvin, con mio padre o con i suoi giocatori. Quindi sicuramente tutto questo mi ha aiutato. Da bambino non ricordo di avere avuto un giocatore preferito, però quando sono cresciuto ho sempre detto, e lo dico ancora, che Earvin è il più forte al mondo”. Dice invece il modenese: “Il ricordo che da bambino sicuramente mi ha marcato di più è stato il titolo di campione di Francia quando mio padre allenava Poitiers. Ero piccolo, ero in tribuna a tifare come un pazzo”.

 


Oggi quindi i due saranno in campo al Palaestra per una sfida delicata. “In questo momento – sono le parole di Swan – sarebbe molto bello centrare un buon risultato contro Modena. Anche loro hanno tanto bisogno di punti, quindi sicuramente sarà una bella battaglia sportiva, dobbiamo essere pronti a lottare perché non ci regaleranno nulla, ne sono convintissimo”.