Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, Pahars non è più l'allenatore

  • a
  • a
  • a

Marian Pahars non è più l’allenatore del Siena. La notizia era nell'aria fin dalle ore seguenti alla brutta sconfitta dei bianconeri sul campo della Sinalunghese, condita anche da un errore tecnico nei cambi su cui la società rossoblù ha preferito non infierire, avendo vinto con pieno merito sul campo. Una leggerezza, però, che non è passata inosservata, e che ha messo ancora più in luce lo scarso feeling del mister con la realtà della serie D italiana.

 

 

Ieri sera (9 febbraio) l'ipotesi si è trasformata in realtà, al termine di incontri e colloqui nella sede della società, ma ancora mancava l'ufficialità. E' arrivata questa mattina, con un comunicato nel quale si legge che "la decisione è stata presa dal tecnico lettone che ha guidato la squadra senese nell’ultimo periodo perché la situazione complessa che si è creata non gli permetteva di lavorare in condizioni ottimali per raggiungere gli obiettivi che la società bianconera si è prefissata. L’Acn Siena ringrazia Marian Pahars per essersi messo a disposizione della società in un momento così complicato e per il contributo che ha dato alla guida del Siena con esperienza e professionalità".

 

 

L’interregno di Pahars, che insieme a Gazzaev (sempre seduto in tribuna, a dare ordini a distanza) formava la coppia dei “mister con l’auricolare”, ha fruttato tre sconfitte (a Badesse, a Montevarchi e a Sinalunga) e un pareggio tutt’altro che positivo (in casa con il Foligno) in quattro apparizioni. Un cammino che ha complicato la classifica, risollevata solo grazie ai tre punti (tra l'altro, non conquistati dalla coppia, ma dal predecessore Stefano Argilli) ritrovati con la Sangiovannese per il ricorso vinto dall’avvocato Massimo Carignani. Per non scivolare di nuovo più in basso, era impensabile non dare quella che nel calcio si chiama “scossa”, ovvero il cambio in panchina. Adesso, con il derby interno contro la Pianese all'orizzonte, il Siena proverà a risalire lentamente la china, anche se la situazione appare in parte già compromessa.