Le ragioni del no

Referendum costituzionale

Ecco le ragioni del no

28.11.2016 - 16:30

0

Referendum costituzionale: i 5 principali punti per il no.

RESTA IL BICAMERALISMO PIENO: secondo i fautori del No la riforma è inapprovabile perché nei fatti non abolisce il bicameralismo in quanto il Senato rimarrà anche se con poter rivisti e ridotti. Non si accorceranno nemmeno i tempi degli iter legislativi, che al contrario si complicherebbero perché i  possibili procedimenti legislativi, che oggi sono soltanto 2 (quello ordinario e quello costituzionale) diventerebbero molteplici.

RESTA IL SENATO ELETTIVO: Se vince il No il Senato resta quello attuale ovvero eletto a base regionale e con alcun i seggi assegnati dalla circoscrizione estero. Il numero dei senatori, eletti tra i cittadini italiani che abbiano compiuto i 40 anni d'età, è di 315, 309 dei quali eletti nelle 20 regioni italiane e 6 eletti nella circoscrizione estero. Nessuna regione può avere un numero di senatori inferiore a 7, eccetto il Molise che ne ha due e la Valle d'Aosta uno. La carica di senatore è elettiva e termina con la fine della legislatura, tuttavia fanno parte del Senato anche alcuni senatori a vita e senatori di diritto e a vita, in numero variabile (attualmente 5: 4 nominati e uno di diritto), con i senatori eletti e i senatori nominati a vita dal Presidente della Repubblica. I nuovi senatori previsti dalla riforma, invece, secondo i promotori del No si ritroverebbero a far parte di un pool di nominati e saranno in attività part-time perché divideranno il loro lavoro settimanale tra alcuni giorni dedicati alle funzioni legislative e altri riservati agli impegni nei Comuni o Regioni.

SPESE DA TAGLIARE: I risparmi previsti dalla Riforma sono ritenuti insufficienti dai fautori del No, soprattutto per il fatto che palazzo Madama resterà operativo con il suo personale e con i suoi costi di gestione. Anche le parti che vorrebbero toccare i costi delle autonomie territoriali sono insufficienti: le Regioni ordinarie conteranno molto meno, mentre le 5 a statuto speciale (spesso folli centri di spesa e spreco) saranno più forti di prima. Secondo i fautori del No, meglio non varare questa riforma e studiarne subito altre più efficaci.

POTERI DEL PREMIER: Uno dei punti ritenuti più importanti dai fautori del No è costituito dal ruolo del premier che lo si preferisce lasciare così com’è attualmente in quanto la riforma concederebbe al presidente del consiglio dei ministri uno strapotere incontrastato e incontrastabile: come “capo” del primo partito diventerà padrone del governo e del Parlamento. Potrà scegliersi il presidente della Repubblica, ma anche i membri della Consulta e del Csm di nomina parlamentare, i componenti delle Autorità 'indipendenti', l’amministratore delegato e il Cda della Rai. E cambiare, di fatto, la Costituzione a suo piacimento.

RISPETTO DELLE OPPOSIZIONI: Nel nuovo Parlamento il premier non si ritroverà di fronte alcun contropotere perché i diritti delle minoranze parlamentari non sono codificati esplicitamente. La riforma regala, tra l’altro, l’immunità ai 100 senatori incaricati, senza averne il diritto.

Condividi le tue opinioni su Corriere dell'Umbria

Caratteri rimanenti: 400

Più letti oggi

Mediagallery

Salma Hayek con The Roads Not Taken alla Berlinale: 'Fantastico lavorare con Bardem' SOTTOTITOLI

Salma Hayek con The Roads Not Taken alla Berlinale: 'Fantastico lavorare con Bardem' SOTTOTITOLI

(Agenzia Vista) Berlino, 26 febbraio 2020 Salma Hayek con The Roads Not Taken alla Berlinale: "Bardem caro amico, fantastico lavorarci assieme" Presentato alla Berlinale il film di Sally Potter ’The Roads Not Taken’. Gli interpreti Javier Bardem, Salma Hayek e Elle Fanning hanno sfilato sul tappeto rosso del festival del cinema di Berlino. “Javier è un grande amico, ero nervosa di lavorare con ...

 
Coronavirus, Nicastri (Spallanzani): “Non sappiamo se chi guarisce possa contrare ancora virus”

Coronavirus, Nicastri (Spallanzani): “Non sappiamo se chi guarisce possa contrare ancora virus”

(Agenzia Vista) Roma, 26 febbraio 2020 Coronavirus, Nicastri (Spallanzani): “Non sappiamo se chi guarisce possa contrare ancora virus” Il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, ha dichiarato ai giornalisti riguardo lo stato di salute della coppia cinese guarita dal coronavirus. Con lui anche Emanuele Nicastri, direttore divisone Malattie Infettive che ha dichiarato: “Non ...

 
Coronavirus, Nicastri (Spallanzani): “Non sappiamo se chi guarisce possa contrare ancora virus”

Coronavirus, Nicastri (Spallanzani): “Non sappiamo se chi guarisce possa contrare ancora virus”

(Agenzia Vista) Roma, 26 febbraio 2020 Coronavirus, Nicastri (Spallanzani): “Non sappiamo se chi guarisce possa contrare ancora virus” Il direttore sanitario dello Spallanzani di Roma, Francesco Vaia, ha dichiarato ai giornalisti riguardo lo stato di salute della coppia cinese guarita dal coronavirus. Con lui anche Emanuele Nicastri, direttore divisone Malattie Infettive che ha dichiarato: “Non ...

 
Luisa Ranieri si racconta: "Sono fricchettona ma nella mia vita ho una certezza..."

L'intervista

Luisa Ranieri si racconta: "Sono fricchettona ma nella mia vita ho una certezza..."

Luisa Ranieri si racconta la settimanale Oggi. La nota attrice non ama parlare di sè - "Mi annoia parlare di me stessa... sono molto timida e questo pregiudica tutto" - ma ...

26.02.2020

Ballando con le stelle 15, nel cast anche il fidanzato di Diletta Leotta

in tv

Ballando con le stelle 15, nel cast anche il fidanzato di Diletta Leotta

Milly Carlucci cala l'asso in vista della prima puntata di Ballando con le stelle, in programma il 28 marzo. Dopo aver ufficializzato la partecipazione di Elisa Isoardi e ...

26.02.2020

Quentin Tarantino e Daniella Pick, il frutto del grande amore è un figlio dal nome top secret

Gossip

Video Quentin Tarantino e Daniella Pick, un figlio frutto del grande amore

Quentin Tarantino il 22 febbraio è diventato padre di un maschietto. Il nome per ora è top secret. E' il coronamento della storia d'amore tra il regista, sceneggiatore, ...

26.02.2020