Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

La Procura ritrova gli hard disk dei computer di David Rossi e li invia ai Carabinieri

David Rossi

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

I computer di David Rossi sono stati ritrovati e trasmessi al Racis per essere analizzati. La procura di Siena, guidata da Salvatore Vitello, ha inviato l'hard disk del computer che il manager del Monte dei paschi aveva in uso nel suo ufficio e la copia forense di uno dei suoi due pc portatili (all'altro è al momento risultato impossibile accedere) per essere analizzati dal Raggrupamento Carabinieri investigazioni scientifiche (Racis). I magistrati hanno agito su richiesta dei legali dei familiari di Rossi, Paolo Pirani e Carmelo Miceli, che difendono rispettivamente il fratello, Ranieri Rossi, e la vedova, Antonella Tognazzi. Nei mesi scorsi avevano richiesto la copia degli hard disk dei tre computer scoprendo che, inizialmente, non ve ne era traccia. L'analisi degli hard disk è finalizzata ad accertare chi, quando e come ha scritto le mail che Rossi ha inviato all'allora amministratore delegato, Fabrizio Viola. In particolare una, con la tragica richiesta di aiuto: “Stasera mi suicido”, scritta il mattino del 4 marzo 2013, due giorni prima di essere trovato morto nel vicolo sotto il suo ufficio.