Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+
In evidenza

Siena, novità nel protocollo cavalli da Palio: analisi del proprietario Anselmi Zondadari

  • a
  • a
  • a

La giunta comunale ha approvato giovedì 19 gennaio 2023 le modifiche al protocollo per l'addestramento dei cavalli da Palio, in base alle quali i soggetti che completano tutto il percorso saranno sospesi sia per le Carriere immediate, sia per quelle dei due anni successivi, in caso di assenza alle previsite o alla Tratta dopo essere stati giudicati idonei, a meno che non sia per motivi di tipo sanitario, documentati da certificato veterinario. Questa novità non piace ad Agostino Anselmi Zondadari, proprietario di Solu Tue Due. "Temo - commenta - che questo si possa trasformare in un boomerang. Come si è visto, già non c’è tanta voglia di portare i cavalli. Se poi si prospetta il rischio di un fraintendimento sulla situazione sanitaria, che comporta un allontanamento così lungo, alla fine la gente potrebbe preferire non cominciare nemmeno il percorso. Parlo per esperienza personale: a giugno del 2022 Solu Tue Due aveva la piroplasmosi, con tanto di certificato medico, e per questo non fu presentato. L’ufficio Palio non ne ha tenuto conto e, ritenendo che invece si trattasse di una manovra poco chiara, alla fine non ci ha dato quel minimo contributo stabilito per i cavalli virtuosi. Oggi costerebbe fino a 3 anni di stop: rischio troppo alto".

 

 

Non è l'unico punto d'ombra del protocollo rivisto: "Il Comune richiede il serio impegno negli appuntamenti in provincia, e può anche andare bene, a patto che garantisca piste perfette, cosa non avvenuta nel 2022, e cominci a prendere provvedimenti, come l'immediata esclusione di chi scalcia alla mossa: quei cavalli non arriveranno mai al Palio, quindi tanto vale eliminare i rischi per l'incolumità degli altri".

 

Servizio completo sul Corriere di Siena in edicola sabato 21 gennaio 2023.