Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, violenza sessuale su una giovane fuori da un locale notturno: due arresti

Claudio Coli
  • a
  • a
  • a

Un nuovo caso di violenza sessuale scuote il territorio senese. Due uomini sono stati arrestati, sabato 19 novembre, con l’accusa di violenza sessuale di gruppo a danno di una giovane, un grave fatto che sarebbe avvenuto all’esterno di un locale notturno in Valdelsa, alcuni giorni prima. Ad eseguire l’arresto, dopo la denuncia della ragazza, sono stati gli agenti della Polizia di Stato del commissariato di Poggibonsi, che avrebbero individuato e ammanettato i presunti responsabili. Le due persone accusate dello stupro sono state ristrette in custodia cautelare in carcere.

 

 


Per adesso non si conoscono ulteriori risvolti e dettagli, si tratta di una vicenda assai delicata, su cui vige il massimo riserbo, come è normale che sia visto che riguarda persone di giovane età e fatti che provocano grande dolore e sofferenza. La Procura di Siena, nella persona del pm Serena Menicucci, ha aperto un'inchiesta e ha già avviato serrate indagini per ricostruire quanto accaduto e accertare le responsabilità. Dopo l'arresto, i due accusati della violenza sessuale di gruppo sono stati sottoposti nei giorni scorsi ad interrogatorio di garanzia, all'esito del quale le misure cautelari sono state confermate.  La vicenda avviene, per una fortuita coincidenza, proprio nei giorni in cui si è celebrato un altro processo relativo ad un presunto stupro di gruppo, quello ben noto che coinvolge il calciatore Manolo Portanova e altri tre giovani, e di cui sarebbe stata vittima una studentessa dell'Università di Siena di 22 anni.  A difendere gli indagati sono gli avvocati Fausto Rugini e Ilenia Cirino Groccia per una posizione, mentre l’altra è rappresentata dall'avvocato Veltri.

 

 

Stando ai dati forniti, le violenze sessuali rappresentano reati in crescita un po' in tutta Italia, oltre il 90% sono perpetrate nei confronti di donne e ragazze. La violenza di genere è una piaga che colpisce anche la Toscana, e lo confermano nuovamente i numeri.  In 15 anni, dal 2006 al 2021, nella nostra regione si sono registrati complessivamente 128 femminicidi, e oltre a ciò risultano 741 donne all'anno che si rivolgono ai consultori, 114 ospitate nelle case rifugio e 224 che hanno chiesto l'intervento del pronto soccorso sociale. Nell'area senese-aretina, sempre come attestano recenti dati, sono 183 le donne picchiate e maltrattate, solo nei primi sei mesi del 2022. Una piaga, quindi, che fa male a tutto il Paese.