Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, taglio del nastro per la nuova scuola di Staggia Senese: adesso è più sicura e più bella

  • a
  • a
  • a

Taglio del nastro alla scuola secondaria di primo grado di Staggia Senese a Poggibonsi, restituita alle sue normali attività dopo l’intervento di adeguamento e riqualificazione. Un investimento di circa 1milione di euro, cofinanziato con contributo di 400.000 euro da parte della Regione Toscana, che ha reso la scuola più sicura, più bella, migliorata sotto il profilo di efficientamento energetico e maggiormente rispondente alle esigenze degli studenti. Il completamento dei lavori è stato salutato dalla comunità scolastica alla presenza delle autorità.

 

 

 

“E’ una giornata bella, una giornata di festa – dichiara il sindaco David Bussagli –. Finalmente abbiamo restituito alla comunità di Staggia questo spazio di crescita e di formazione, che nel 2018 abbiamo dovuto chiudere in seguito agli esiti delle verifiche statiche effettuate. Un esito inaspettato a cui abbiamo risposto tutti insieme costruendo il più rapido percorso di adeguamento che ha visto anche il supporto fondamentale della Regione che ci ha aiutato nel reperire le risorse. Sono stati quattro anni lunghi in cui hanno inciso anche variabili esterne come il Covid. Oggi ci siamo, la scuola torna agli studenti, torna a disposizione del Comprensivo e di tutto il sistema scolastico. Grazie a tutti”.

 

 

“La restituzione di un edificio scolastico alla comunità – ha dichiarato l’assessora all’istruzione della Regione Toscana Alessandra Nardini - è un bellissimo segnale di speranza e di fiducia nel futuro. A maggior ragione dopo una fase difficile come quella che abbiamo attraversato a causa della pandemia. Per la Regione aver contribuito alla realizzazione dei lavori è motivo di grande soddisfazione. Vogliamo infatti che le scuole toscane siano belle, sicure, accoglienti, inclusive, innovative e rispettose dell’ambiente, perché l'architettura scolastica e gli spazi di apprendimento influiscono anche sulla qualità della didattica”. “Una riapertura che è frutto di un investimento importante, un milione di euro sono l’equivalente di quattro, cinque appartamenti – ha sottolineato la consigliera Anna Paris –. E’ frutto anche di una grande collaborazione prima di tutto fra Enti”.