Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, caso David Rossi: rinviato l'interrogatorio del pm Antonino Nastasi. A Genova tocca ad Aldo Natalini e Nicola Marini

Aldo Tani
  • a
  • a
  • a

L’interrogatorio è riprogrammato a data da destinarsi. Motivi di salute pregressi non hanno permesso ad Antonino Nastasi di presentarsi alla caserma del nucleo di polizia economica-finanziaria di Genova. Il magistrato doveva essere ascoltato dai pm liguri in merito all’indagine che lo vede accusato di falso ideologico aggravato. Il sostituto procuratore è indagato insieme ai colleghi Aldo Natalini e Nicola Marini, che invece saranno sentiti oggi giovedì 17 gennaio. I tre nel 2013 si occuparono della prima inchiesta sulla morte di David Rossi, che si concluse con l’archiviazione del caso per suicidio. 

 

 


Genova, competente per l’operato dei pm toscani, contesta loro ciò che è avvenuto tra il 6 e il 7 marzo di quasi dieci anni fa. Da una parte c’è il sopralluogo nell’ufficio del manager, nelle ore successive al decesso; dall’altra, ci sono le omissioni, di Natalini e Nastasi in particolare, nella redazione del verbale l’indomani sempre a proposito di quell’ispezione. Fatti per altro già passati in rassegna dalla commissione d’inchiesta che per 14 mesi ha indagato sul caso. I pm si sono mossi proprio sulla base del lavoro dell’organismo parlamentare, traendo spunto dall’audizione del colonnello Pasquale Aglieco.

 

 

L’ex comandante provinciale dei carabinieri di Siena aveva accennato al sopralluogo nell’ufficio di Rossi e alla serie di azioni compiute dai magistrati senesi. Quelle affermazioni avevano dato il là per aprire un fascicolo, che poi ha portato all’indagine attuale. La pena per il reato contestato va dai 3 ai 10 anni ed essendo l’avviso di interrogatorio diramato “dinanzi al pm”, non è prevista la prescrizione. 
Non è la prima volta che i magistrati liguri hanno a che fare con la vicenda. Nel 2020 fu aperto un fascicolo a carico di ignoti per abuso di ufficio e favoreggiamento della prostituzione. L’indagine riguardava i presunti festini a sfondo sessuale che, secondo alcune testimonianze, avrebbero avuto come protagonisti personaggi in vista della Siena di allora, pm compresi. Nel gennaio 2021 è stata disposta dal gip l’archiviazione.