Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, il mondo del Palio in Fortezza per la manifestazione dedicata ai puledri

  • a
  • a
  • a

Si è tramutata in un successo la manifestazione dedicata ai cavalli anglo arabi che ha portato nella Fortezza di Siena puledri interessanti che sembrano in grado di garantire un buon ricambio generazionale per il Palio, ma non solo. Grande affluenza di proprietari, allenatori, dirigenti di contrada e fantini, molti dei quali già hanno investito su soggetti così giovani nella speranza che diventino dei campioni della Piazza.

 

 

C’erano Giovanni Atzeni, Carlo Sanna, Federico Arri, Giuseppe Zedde: tutti, tra le altre cose, hanno presentato le loro discolpe e memorie difensive e che restano quindi in attesa di quelle che saranno le decisioni della giunta comunale relativamente alle sanzioni. Ma sul tema le loro bocche sono rimaste cucite. Alla fine, comunque, Tittia ha vinto anche in questa occasione: il cavallo più bello della rassegna è stato giudicato Eliseo, di sua proprietà. Quello ritenuto più adatto alla Piazza, invece, è stato E adesso basta di Gingillo.

 

 

Non poteva mancare Massimo Milani, che ha portato la bellezza di 12 cavalli in Fortezza, tutti puledri di uno e due anni, sul totale di 46 soggetti presenti all’evento. “La speranza – ha detto – è che diventino da corsa per toglierci qualche soddisfazione in futuro. Complessivamente, si sono visti cavalli molto giovani ma già tenuti benissimo”. Il noto allenatore di barberi, tra i quali anche la recente regina di piazza del Campo Violenta da Clodia, ha fatto poi una sua riflessione: “La città di Siena si deve svegliare, perché se continuiamo come adesso le difficoltà non si risolvono e finisce tutto. Manifestazioni come questa servono e sono assai utili per il settore. Quando la mattina abbiamo caricato i cavalli sui van e siamo partiti, sembrava quasi di andare alle prove di notte. Lo spirito era lo stesso. Per questo sottolineo che questa è una bellissima iniziativa da coltivare nel tempo. Qualcosa andrà migliorato ma ci siamo goduti una bella giornata".