Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, asta online in favore di tre associazioni del territorio

  • a
  • a
  • a

E' in pieno svolgimento, per concludersi il 28 novembre 2022, un'asta online di opere organizzata dal comitato della terza età Anni d'argento, insieme all'Associazione nazionale insigniti ordine cavalleresco (Anioc) sezione di Siena e alla Round Table 41 club service, con il supporto della casa d'aste Guidoriccio (www.asteguidoriccio.it). I pezzi che alla fine qualcuno si aggiudicherà sono sia quadri che sculture, con firme note per aver realizzato Drappelloni o Masgalani (Pier Luigi Olla, Vittoria Marziari, Jean Claude Coenegracht, Massimo Stecchi, Ezio Pollai, Alberto Inglesi, Rita Petti, Tommaso Andreini, Vita Di Benedetto, tanto per citarne solo alcuni) ma realizzate anche da chi si diletta a fare arte mettendoci cuore e passione. “Tra le autrici sono anche alcune nostre socie - spiega Marco Fedi, presidente di Anni d'argento - che frequentano il laboratorio di pittura da noi organizzato, coordinato dalla maestra Franca Martini”. 

 

 

I proventi saranno devoluti a favore di tre associazioni: la Quavio, che si occupa di cure nell'ultimo tratto della vita dei pazienti oncologici, Il Laboratorio, centro di volontariato per disabili, e la cooperativa Riuscita sociale, laboratorio artistico specializzato in ceramica, dove persone diversamente abili sono affiancate da maestri d'arte, soci volontari, educatori e collaboratori.

 

 

L'iniziativa, di innegabile valore, ha ottenuto l'approvazione del Comune di Siena, che attraverso il proprio assessore alla cultura, Pasquale Colella, commenta: “L'arte stavolta è al servizio della comunità e delle associazioni che si occupano di volontariato. Grazie a questo progetto in sinergia, circa 100 artisti del nostro territorio diventano protagonisti di un'asta telematica di beneficenza rivolta alle cure e al sostegno del sociale. Qui non siamo di fronte soltanto a un insieme di opere, ma anche ai più alti valori civici della comunità senese che mai si tira indietro quando è necessario fare sistema e agire nel nome della solidarietà e della condivisione”.