Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid Siena, Giorgio Briganti (Asl): "Quarta dose per il 26,71% della popolazione. Ora tutti possono fare il booster"

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

Con l’arrivo dell’autunno i contagi da Covid sono tornati a crescere, anche nella provincia senese. I ricoveri ospedalieri rimangono bassi, nella giornata di ieri erano 19 le persone all’ospedale delle Scotte: il numero è comunque un po’ cresciuto negli ultimi giorni, dato che solamente giovedì scorso erano in 10, ma è tuttavia ancora contenuto. Per quel che riguarda i nuovi contagi, il dato quotidiano in alcuni casi è però raddoppiato rispetto agli standard di poche settimane fa. Da un dato di meno di cento nuovi positivi al giorno si è arrivati a toccare un picco giornaliero di 244. Giorgio Briganti, direttore del dipartimento prevenzione dell’Asl Toscana sud est, fa il punto della situazione su quel che sta avvenendo relativamente al Coronavirus. Nella provincia di Siena, come ricorda Briganti, la quarta dose è stata al momento somministrata al 26% degli aventi diritto.

 

 

Briganti, come possiamo definire la situazione Covid e il dato dei contagi nel territorio senese?

“In provincia di Siena stiamo assistendo ad un aumento dei casi settimanali, siamo passati da un numero di positivi giornalieri che stava solitamente sotto a 100 ad avere un dato sempre sopra il 100, con picchi giornalieri di 244 positivi”.

Quante persone si sono fatte somministrare la quarta dose di vaccino anti-Covid?

“In provincia di Siena sono state somministrate sino ad oggi 17.648 quarte dosi, pari al 26,71% degli aventi diritto”.

Quante persone si recano ancora ai drive through per fare il tampone?

“Il numero di tamponi segue chiaramente il numero dei positivi, anche in questo caso abbiamo riscontrato un aumento con 245 tamponi effettuati ai drive trough in questa settimana, che si vanno a sommare a tutti quelli fatti nelle farmacie”.

Non c’è il rischio che molte persone ormai acquistino i tamponi nelle farmacie e, se positivi al Covid, non segnalino la loro malattia?

“Il rischio che a seguito di tampone positivo fai da te positivo non consegua un tampone nelle farmacie autorizzate o i drive esiste, tale comportamento è quanto mai deprecabile essendo oggi i tempi di isolamento per i positivi senza sintomi ridotti al minimo”.

 

 

La riapertura delle scuole ha prodotto conseguenze?

“La riapertura delle scuole con tutto quello che comporta anche a livello di trasposto scolastico su mezzi pubblici ha sicuramente avuto conseguenze sulla curva epidemiologica, nella provincia di Siena le positività degli under 18 sono aumentate significativamente dopo il 15 settembre”.

Quale consiglio dà e cosa vuol dire ai cittadini?

“Il consiglio da dare ai cittadini è di non considerare il Covid come un brutto ricordo, è ancora un pericolo che dobbiamo prevenire con atteggiamenti virtuosi quali l’utilizzo delle mascherine in ambienti chiusi con assembramenti di persone, il lavaggio frequente delle mani con disinfettanti e soprattutto la vaccinazione. A tale proposito è bene ricordare che è disponibile la quarta dose per tutti coloro che hanno più di 12 anni vaccinati o guariti da oltre 120 giorni”.