Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio di Siena, si è dimesso il capitano della Civetta. Nicola Lorenzetti lascia

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

A Siena Nicola Lorenzetti non è più il capitano della Civetta. Le sue dimissioni irrevocabili sono arrivate nel corso dell’assemblea effettuata dal rione del Castellare durante la quale è stata esaminata la relazione relativa alle due Carriere di quest’anno. Nell’occasione capitan Lorenzetti ha dato, appunto, le proprie dimissioni. Le tempistiche per arrivare ad un nuovo capitano dovrebbero a questo punto essere le seguenti: entro la metà di settembre dovrebbero essere nominate le commissioni per poi arrivare al voto dei civettini entro la fine di ottobre o l’inizio di novembre. Il nuovo capitano avrà un mandato di due anni mentre rimane in carica il priore Andrea Bonacci che ha un altro anno di mandato.

Lorenzetti vanta una lunga carriera paliesca. Era al suo terzo mandato da capitano del rione del Castellare e in precedenza aveva fatto per sei anni il mangino. Nell’assemblea di contrada ha rassegnato le proprie dimissioni in maniera irrevocabile. È il secondo capitano di contrada a fare un passo indietro in questa annata paliesca dopo quello della Pantera, Claudio Frati.

La Civetta ha vissuto un Palio di luglio assolutamente sfortunato, con l’esclusione dalla Carriera di Provenzano dopo la scivolata di Valter Pusceddu su Vankook nella terza prova e dopo che comunque il rione del Castellare aveva preso parte alla prova generale con la monta di Giosuè Carboni. Nel Palio dell’Assunta, poi, è arrivata la vittoria della rivale Leocorno con l’accoppiata Giovanni Atzeni-Violenta da Clodia. Una vittoria che l’accoppiata del Castellare composta da Massimo Columbu e Ungaros non è riuscita a evitare e neppure in qualche modo a contrastare, visto che Tittia e Violenta da Clodia hanno dominato il Palio fin dall’inizio riuscendo anche a siglare il record della Piazza. Da qui, probabilmente, la decisione di dimettersi.