Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio di Siena, adesso chi è in grado di sfidare Violenta da Clodia?

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

A Siena il 2022 paliesco lascia in dote e nel libro dei ricordi (e dei record) la prestazione superlativa di Violenta da Clodia che ad agosto ha fatto registrare in Piazza del Campo il miglior tempo di sempre sui tre giri della conchiglia senese. La cavalla allenata da Massimo Milani ha fatto centro al quarto tentativo con una Carriera che resterà certamente impressa: partenza brillante, smentendo quanti parlavano di presunte difficoltà tra i canapi e poi tre giri favolosi, senza sbagliare una traiettoria e spingendo alla grande (anche senza strafare) e distanziando così tutti gli altri soggetti in pista. La domanda lecita ora è la seguente: nel luglio prossimo Violenta da Clodia verrà esclusa dai capitani per manifesta superiorità? È un’ipotesi, questa, che potrebbe anche concretizzarsi. Il lotto omogeneo di cavalli per il Palio dell’Assunta era, sulla carta, quello con Violenta da Clodia, Remorex e Viso d’Angelo come punte e insieme tra i dieci. Poi le cose sono andate in modo diverso, con Viso d’Angelo di rincorsa nella Chiocciola con Jonatan Bartoletti e Remorex in un posto alto al canape nella Tartuca con Federico Arri.

Con chi potrebbe comporre un lotto omogeneo Violenta da Clodia il prossimo anno? Sicuramente il primo nome che viene in mente è quello di Tale e Quale. Che di Palii fino ad oggi ne ha corsi due vincendone uno (nel luglio 2019 nella Giraffa). La storia di quest’anno per il cavallo allenato da Giosuè Carboni è nota: a luglio non è stato portato alle previsite, mentre ad agosto ha effettuato tutto il percorso per poi essere scartato dai capitani che lo hanno ritenuto troppo forte. Sicuramente sarebbe bello rivedere un duello in Piazza del Campo tra Violenta da Clodia e Tale e Quale. Quello del luglio 2019 ha regalato tante emozioni, con Tale e Quale che riuscì a prendere la testa proprio nel finale per la gioia del popolo giraffino. Senza dimenticare Viso d’Angelo, che a luglio ha evidenziato una progressione importante e che avrà un altro anno per crescere e per maturare ancora.

Zio Frac, dal canto suo, un Palio lo ha già vinto ad appena 7 anni. Il tempo è dalla sua e avrà modo per maturare. Affidabilità e adattabilità alla Piazza le ha già dimostrate quest’anno. Ad agosto non è stato autore di una buona mossa ma anche da scosso (da dopo il primo Casato) non ha evidenziato un cambio di passo. Discorso a parte va fatto per Remorex, che nel 2023 avrà 13 anni. Troppi per correre il Palio? Le valutazioni verranno effettuate il prossimo anno. Sicurezze per la Carriera sono date dai vari (e già citati) Tabacco, Solu Tue Due, Arestetulesu. Reo Confesso avrà 13 anni, quindi anche in questo caso verranno effettuate le valutazioni del caso. E nel 2023 potrà essere il momento anche di altri soggetti che ancora non hanno esordito: Ares Elce, Abbasantesa, Zenis e Zilla.