Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, una terrazza panoramica sulla città per una nuova piazza del Mercato

  • a
  • a
  • a

Piazza del Mercato può cambiare volto. E diventare nei prossimi anni un vero e proprio hub turistico per Siena, con tanto di terrazza panoramica sulla città, e quindi divenire un luogo assolutamente da non perdere per i visitatori. Il Comune di Siena fa una scommessa in questo senso e pensa a un progetto che possa andare a rilanciare e a valorizzare un punto centrale di Siena. Il progetto è stato dibattuto e affrontato nel corso dell’ultima giunta comunale che si è svolta lunedì, nella quale il sindaco Luigi De Mossi e i suoi assessori hanno deciso di dare seguito all’idea.
Servono soldi per andare a realizzare quel che adesso è nelle menti degli amministratori. Ma al riguardo non può non esserci fiducia, visti i tanti denari che arriveranno in città grazie ai molti progetti vinti negli ultimi mesi dal Comune relativi a fondi del Pnrr (il Piano nazionale di ripresa e resilienza) oppure con bandi regionali. In questo caso il Comune di Siena richiederà finanziamenti ministeriali che si legano al neonato “Fondo in favore dei Comuni a vocazione culturale, storica, artistica e paesaggistica, nei cui territori sono ubicati siti riconosciuti dall’Unesco patrimonio mondiale dell’umanità”. 

 


Dell’argomento ha parlato l’assessore comunale con delega al turismo, Stefania Fattorini. Che ha dichiarato: “L’amministrazione comunale sta portando avanti numerosi progetti per quanto riguarda il turismo. Fra questi c’è quello relativo al ‘Tourist hub’, approvato nell’ultima seduta della giunta comunale e che punta a una riqualificazione della zona di piazza del mercato con installazioni d’accoglienza, un luogo dove per esempio sarà possibile scaricare le app che facilitano le visite dei percorsi turistico-culturali e che prevede fra le altre cose la digitalizzazione degli stessi percorsi la creazione di un nuovo ‘punto panoramico’ sulla città attraverso la collaborazione con artisti locali. Per questo progetto abbiamo richiesto oltre 700 mila euro dai fondi destinati alle città Unesco”.
Per la concretizzazione dell’idea sono necessari dunque poco più di 700 mila euro. Non si tratta di una cifra enorme se si pensa al totale dei soldi (oltre 30 milioni di euro) che il Comune di Siena ha già ottenuto attraverso Pnrr e bandi regionali. E non si tratta di una cifra enorme nemmeno se rapportata con il significato che il progetto avrebbe, con un’indubbia innovazione in ambito turistico e con la valorizzazione di un’area centrale della città. Il finanziamento verrà richiesto in quanto “tali interventi si sostanziano nella realizzazione di iniziative riguardanti strumenti di valorizzazione e promozione turistica digitale, itinerari turistici, progetti di marketing turistico, nonché opere di tipo edilizio, strutturale o impiantistico e allestimenti funzionali all’incremento della fruizione e dell’attrattività turistica”. 

 

 


Al progetto devono essere date gambe, ma l’idea è suggestiva. Ed è suggestivo anche l’obiettivo, come si legge nel verbale di deliberazione della giunta comunale di lunedì, di “creare un nuovo ‘punto panoramico’ sulla città attraverso la collaborazione con artisti locali”. Due aspetti interessanti in uno, dunque: la creazione di un punto panoramico, questione che non può non incuriosire. E d’altronde in tante città e località i punti panoramici sono tra i luoghi più ricercati e che quindi divengono maggiormente noti e frequentati. E anche la collaborazione con artisti locali non può che rendere felici tanti artisti e professionisti del territorio. Tra gli obiettivi ci sono anche quelli di “recuperare e adeguare l’area del Tartarugone di Piazza del Mercato per trasformala in un hub turistico; definire processi di digitalizzazione di alcuni percorsi turistico-culturali ricadenti nel Comune di Siena per una maggiore fruizione; realizzare installazioni di accoglienza nell’area pilota scelta dove sarà possibile scaricare app per facilitare le visite dei percorsi prescelti e realizzare nuovi prodotti turistici vendibili”. 
Commenta il progetto anche la presidente di Federalberghi Siena, Rossella Lezzi, che non appare fiduciosa: “Sull’hub turistico – dichiara Lezzi – posso dire che piazza del Mercato è difficilmente raggiungibile in auto, quindi sarebbe auspicabile che gli Infopoint fossero ai parcheggi comunali e agli arrivi di bus e treni, nonché lo scaricamento di app è fattibile da qualsiasi divano di casa propria e la digitalizzazione della mappe per trekker e biker è già disponibile sul sito Terre diSiena.it. Sarebbe più utile utilizzare anche solo il 30% dei 700 mila euro per indicizzare con una bella campagna di pubblicità online le nostre attrattive turistiche”.