Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, secondo il Times il castello di Bibbiano comprato da Elon Musk

Annalisa Coppolaro
  • a
  • a
  • a

A Siena dopo Mark Zuckenberg in giro in centro qualche mese fa, adesso è la volta dell'altro uomo più ricco del mondo, anzi proprio il più ricco: Elon Musk. Avvistato nei dintorni della città, il magnate 51enne di Tesla e Paypal è stato anche notato, nella tarda serata del 21 luglio, camminare con due uomini per le belle strade di Buonconvento vestito in fresco lino beige. Musk non passa inosservato, con il suo metro e 88 di altezza e gli occhi azzurri, una certa classe nei modi e soprattutto un volto ormai notissimo che appare su tutti i giornali. Secondo il Times, il misterioso compratore del Castello di Bibbiano sarebbe proprio lo stesso Elon Musk.

L'uomo più ricco del mondo insomma proprio in questi giorni starebbe dando corpo a una travolgente passione per la Toscana e per l'Italia tutta, acquistando case e castelli in ogni dove. Primo della lista, appunto, Bibbiano, che il magnate avrebbe scoperto un anno fa soggiornando, si dice, a Castiglion del Bosco. Se ne sarebbe follemente innamorato e adesso, dopo un lungo toto-acquisto che ha azzardato i nomi di altri miliardari, sembra che sia proprio lui, secondo il tabloid, ad aver comprato il castello che ha urgente bisogno di lavori di restauro, ma il cui fascino non è certo in discussione.

Elon Musk del resto è solo uno della lunga lista di ricchissimi e famosi che stanno scegliendo la Toscana e l'Italia per acquistare immobili di pregio. Un trend che va avanti dagli anni Novanta. “Non c'è bisogno di spiegare - scrive il Times - come mai qualcuno con moltissimi soldi voglia passare molto del suo tempo in Italia. Ma forse si tratta di qualcosa di più: una legge emanata dopo il referendum della Brexit. Sembra che i ricchissimi come Mick Jagger possano adesso pagare una flat tax di 100 mila euro all'anno e ottenere un passaporto europeo, residenza italiana e nessuna domanda sul loro guadagno totale”. Se lo si può fare nella più bella regione al mondo, verrebbe da dire, meglio ancora.