Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio, il sindaco De Mossi: "La tutela dei cavalli prima di tutto, per questo Istrice e Civetta non correranno"

  • a
  • a
  • a

Istrice e Civetta non correranno il Palio. La notizia, già evidente al momento della segnatura dei fantini, a cui Camollia e il Castellare non si sono presentati, è stata ufficializzata dal sindaco di Siena Luigi De Mossi. Che precisa: "Abbiamo escluso i rispettivi cavalli, non le contrade. La salvaguardia e la tutela degli equini è e resta un tema centrale, in modo da garantire un futuro alla nostra Festa che vada verso un sempre maggiore rispetto per gli animali. Il Comune deve intervenire anche in presenza di un infortunio non grave, che non mette a rischio la vita del cavallo ma che potrebbe pregiudicarne la salute. E' questo il caso”.

 

 

Il primo cittadino scende nello specifico. "Sono stati due anni difficili per tutti, a causa della pandemia, e posso garantire che non è una decisione semplice escludere due contrade felici di poter partecipare al Palio dopo un periodo così duro. Ci siamo però basati sulle visite fatte nelle rispettive stalle dopo essere stati sempre in contatto con le dirigenze per capire come evolveva la situazione. La coscienza imponeva di non mettere a rischio due soggetti che al momento non sono in forma, ma che, se tenuti a riposo, recupereranno presto”.

 

 

Sulla notizia si sono già avventati gli animalisti. L'Associazione italiana difesa animali ed ambiente - Italiambiente, infatti, comunica di aver presentato questa mattina, 2 luglio 2022, una denuncia per maltrattamento di animali alla Procura di Siena nei confronti degli organizzatori del Palio. Il sindaco De Mossi ha commentato: "Vedremo i termini della questione e poi anche noi agiremo0 di conseguenza. Al momento è troppo presto per commentare, bisogna approfondire".