Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Montalcino, i retroscena dell'unione civile tra Paola Turci e Francesca Pascale: invitati e menù tra rose e fiori di curcuma

  • a
  • a
  • a

Conto alla rovescia per l'unione civile - che si candida a evento dell'estate per il gossip - tra Paola Turci e Francesca Pascale. La cantautrice e l'ex compagna di Berlusconi convolano a nozze oggi, sabato 2 luglio, a Montalcino. La cerimonia, annunciata come molto sobria ed elegante, sarà nel pomeriggio (ore 17). Attesi una trentina di invitati.  

 

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Un post condiviso da +Europa (@piueuropa)

 

Quella tra Turci e Pascale doveva essere una cerimonia riservatissima, ma qualcosa è trapelato. Il rito civile sarà celebrato alle 17 al Palazzo dei Priori, storica sedere del Comune, dal sindaco Silvio Franceschelli (Pd). Pasquale è di casa nel borgo senese capitale del vino: dopo la fine del rapporto con l'ex premier e leader di Forza Italia infatti si è stabilita nella vicina Trequanda. Proprio lei ha curato i dettagli dell'evento, come i fiori (ha scelto curcuma bianca, ortensie e rose). Il banchetto nuziale sarà al Castello di Velona, rocca medievale che domina la Val d'Orcia e trasformata in un resort di lusso. Gli chef - Riccardo Bacciottini e Giuseppe Alfano - dovrebbero proporre un menù che parte dal territorio per poi spaziare, tenendo conto però dell'esigenza vegana della coppia Turci-Pascale.

 



Proprio la location scelta nei primi anni Duemila fu per essere acquistata da Berlusconi che fece anche un sopralluogo. In quell'occasione non fu accolto benissimo tanto che proprio il cavaliere motivò così la mancata acquisizione: "Non sono stati certo tre individui in vena di volgarità a farmi perdere la simpatia che nutro per la Toscana e per i toscani. Ho rinunciato a Montalcino per altri motivi". L’attuale sindaco Franceschelli - contattato dal Corriere della Sera - si dice sorpreso per questa improvvisa curiosità. Non sono previste misure d’ordine pubblico eccezionali.