Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio di Siena, Tittia: "Vorrei un cavallo esperto". Scompiglio: "Deciderò tutto il 29"

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

La prima giornata di corse di addestramento post estrazione per il Palio di Siena del 2 luglio, martedì a Monticiano, ha fornito tanti spunti interessanti. Si trattava, tra l’altro, del nono appuntamento complessivo, il penultimo del calendario previsto dal protocollo. Ne manca solamente uno: martedì 7 a Mociano. Sulla pista del Tamburo erano presenti Remorex e Violenta da Clodia, che fino a questo momento poco si erano visti in provincia. C’era anche Tale e Quale, per una giornata quindi con tre delle potenziali quattro punte del lotto attuale. Massimo Columbu non ha forzato più di tanto Remorex, che per completare il protocollo dovrà essere presente anche a Mociano. Violenta da Clodia, con Sebastiano Murtas, ha effettuato una buona prova, pur senza spingere eccessivamente. Molto bene è andato Tale e Quale nell’ultima corsa di giornata, la sesta: Federico Fabbri ha preso assai bene i tempi della mossa, è partito in testa e ha poi tenuto il comando per oltre due giri. Il serio impegno è stato effettuato e Tale e Quale ha fatto vedere di essere in un buono stato di forma.

Con il lotto per Provenzano completo, era ovvio che le attenzioni fossero rivolte anche alle cosiddette chiacchiere da Palio, con capitani e dirigenze dei rioni a colloquio con i fantini. Non è passato inosservato il confronto di alcuni minuti tra i sorridenti Jonatan Bartoletti e il capitano della Torre, Dario Ricci. Non c’è ancora la tensione dei giorni di Palio e i fantini hanno trovato il tempo per ridere e scherzare tra di loro, come hanno fatto salutandosi Giovanni Atzeni e Carlo Sanna. Scompiglio è sembrato molto concentrato. “Quella di domenica è stata per me un’estrazione fortunata - ha ammesso. - Ancora è presto per fare delle previsioni, però certamente ci sono buone indicazioni per poter lavorare bene. A luglio correranno contrade nelle quali ho già montato, in alcune ho vinto, e ci sono anche altre di cui non ho mai indossato il giubbetto, ma con le quali c’è un buon rapporto. Attendiamo la giornata del 29 giugno, poi valuterò la situazione che potrà essere migliore per me”.

Giovanni Atzeni, invece, sottolinea: “Per quanto mi riguarda, tante contrade di riferimento non sono state estratte a sorte. Comunque gli spazi li ho e si lavora con ciò che è a disposizione. Poteva andare meglio ma mi accontento”. Alcune monte possibili per Tittia sono Istrice, Bruco e Drago. “Con l’Istrice – le parole del fantino – esiste un rapporto che va avanti da anni. Con Bruco e Drago ci sono possibilità appetibili, possono essere strade aperte. Confermo che vorrei montare un cavallo esperto”. Come lo sono Tale e Quale e Remorex, due barberi con i quali ha anche già vinto. “Se saranno nel lotto – il commento di Atzeni – sono cavalli da montare senza alcun dubbio. Se dovesse esserci un lotto più in basso ci sono comunque dei soggetti esperti che possono diventare delle punte”.