Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio di Siena, primi giri di valzer per le monte. Atzeni, Bartoletti e Zedde i più ambiti. I giovani sgomitano

Esplora:

Eleonora Mainò
  • a
  • a
  • a

Il Palio di luglio, il primo dopo gli anni della pandemia, ha da domenica 29 maggio il suo primo verdetto: correranno, in rigoroso ordine alle trifore, Valdimontone, Istrice, Leocorno, Lupa, Drago, Bruco, Chiocciola, Pantera, Civetta e Torre. Adesso, quindi, è il momento di dare l’accelerata definitiva per concretizzare il lavoro svolto non in un solo inverno, ma addirittura in tre, per stringere rapporti che torneranno utili dal primissimo pomeriggio del 29 giugno, quando ogni contrada avrà il cavallo nella stalla. Manca poco meno di un mese alla data fatidica, tante cose possono ancora cambiare, ma certi nodi sono già stati stretti. Proviamo a fare un potenziale quadro delle monte.

Valdimontone
La prima scelta è Jonatan Bartoletti, ma nei Servi sono stati coltivati ottimi rapporti anche con Giuseppe Zedde. Se gli incastri non dovessero portare a queste prime punte, c’è grande stima nei confronti di Elias Mannucci.

Istrice
Con un primo cavallo, in Camollia arriverà Giovanni Atzeni, specialmente adesso che non ci sarà l’Aquila. Il secondo nome sulla lista è Carlo Sanna. Se la Tratta non sarà favorevole, è forte la candidatura di Michel Putzu, allievo in cui Tittia crede molto, ma potrebbe anche avere una chance Enrico Bruschelli.

Leocorno
Pantaneto ha ritrovato Jonatan Bartoletti, con cui i rapporti in questi anni di stop sono stati coltivati egregiamente. Dopo la sua prova prepotente a Fucecchio, coronata dalla vittoria, in netta ascesa anche le quotazioni di Dino Pes

Lupa
In Vallerozzi Giuseppe Zedde e Jonatan Bartoletti sanno di avere una strada aperta, in caso di primissimo cavallo. Si sono invece raffreddati i rapporti con Valter Pusceddu, che fino a un paio di settimane fa capitan Celesti sembrava pronto a montare su quasi tutti i soggetti. Non è escluso il debutto di Federico Guglielmi

Drago
Capitan Gotti è in una condizione ideale: ha strade che lo possono portare a tutti i big di grido, con un occhio particolare per Giuseppe Zedde. Inoltre ha già una parola importante con Andrea Coghe ma potrebbe anche tirare fuori dal cilindro l’ennesimo debuttante. 

Bruco
In via del Comune, con un cavallo di prima fascia, non si dovrebbe uscire da Bartoletti o Zedde. Altrimenti non è esclusa una chiamata a Elias Mannucci.

Chiocciola
Capitan Maggi sa che, se il cavallo sarà di suo gradimento, in San Marco arriverà Jonatan Bartoletti, ma non si è fermato qui e ha intavolato discorsi interessanti anche con Giuseppe Zedde. A seconda degli incastri, potrebbero debuttare Federico Guglielmi o Mattia Chiavassa.

Civetta
Giuseppe Zedde è il più desiderato, soprattutto perché le condizioni fisiche di Giosuè Carboni sono ancora un punto interrogativo e forse è più probabile pensare che possa esserci ad agosto. Si segue da vicino Elias Mannucci, con Antonio Mula che sogna il debutto.

Pantera
Si parte da Elias Mannucci, che dà garanzie su diversi cavalli. Se la sorte sarà particolarmente benevola, Scompiglio è pronto a valutare la possibilità di tornare in Stalloreggi, mentre cresce la candidatura di Giuseppe Zedde.

Torre
Bartoletti e Zedde sono primi della lista, tutto dipenderà da chi arriverà nella stalla il 29 giugno intorno all’ora di pranzo. Enrico Bruschelli è un altro nome che circola, ma a proposito di figli d’arte, chissà che non esca dall’Entrone Andrea Coghe.