Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Progetto Interclub Rotary Carbon Neutrality, giardini boschivi a Siena e in altri cinque comuni

  • a
  • a
  • a

Giovedì 28 aprile, nella sede della Fondazione Mps a Palazzo Sansedoni, alla presenza delle rappresentanze civiche, del Provveditore della Fondazione Mps e dei giornalisti, si è tenuta la conferenza stampa di chiusura del Progetto Interclub Carbon Neutrality che ha visto la collaborazione dei Rotary Club Alta Valdelsa, Valdelsa e Siena Montaperti e dell’Alleanza Territoriale Carbon Neutrality di Siena. Il progetto si è ispirato al tema del “sostegno ambientale, con l’obiettivo di impegnarci a migliorare la qualità della vita nel nostro territorio attraverso azioni di informazione e mitigazione. Nello specifico, come hanno spiegato Francesco La Commare presidente Rotary Club Siena Montaperti, Emilio Battisti presidente Rotary Club Alta Valdelsa e Marco Panti presidente Rotary Club Valdelsa, sono stati realizzati dei "giardini boschivi" attraverso piantumazioni di circa 250 tra alberi, arbusti, cespugli e piante erbacee nelle aree dei Comuni di Siena, Castelnuovo Berardenga, Colle di Val d’Elsa, Monteroni d’Arbia, Poggibonsi e San Gimignano, al fine di creare dei piccoli ecosistemi di cui potranno usufruire tutti i cittadini, e inoltre sono stati installati dei totem divulgativi nei principali luoghi di interesse dei suddetti territori, con lo scopo di informare la popolazione locale e i turisti su quali sono i vantaggi di vivere e produrre in un territorio carbon neutral.

Come ha spiegato il professor Simone Bastianoni, con il supporto dell’Alleanza Territoriale Carbon Neutrality di Siena è stato calcolato il numero di alberi necessari per annullare le emissioni di CO2 delle attività dei 3 Rotary Club che hanno così ottenuto la certificazione Carbon Neutral. Questo progetto ha rappresentato un grande contributo per supportare gli assorbimenti naturali delle zone boschive e della vegetazione perenne dei nostri territori, e il contrasto del declino e dell’estinzione di specie impollinatrici come ad esempio le api, e si auspica che in futuro possano nascere altre iniziative simili sia nel pubblico che nel privato, e che molti altri territori raggiungano la Carbon Neutrality.