Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Turismo, Siena 13esima in Toscana. Nel 2021 registrate 660.880 presenze

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

Il mare splende, l’arte soffre. I dati sulle presenze turistiche del 2021 in Toscana non sono sorprendenti: se la costa sorride, l’interno piange. Basti pensare che tra i primi 20 comuni più scelti nel Granducato, secondo i dati della Regione Toscana, 16 sono località marittime, una termale e soltanto tre le tre città d’arte. Con Firenze e Pisa (che però ha anche un tratto di costa) Siena c’è, ma la graduatoria non è affatto confortante. Soprattutto quella delle presenze, la più significativa perché conta quante notti vengono trascorse nelle strutture ricettive dai visitatori, e che vede il capoluogo al 13esimo posto in Toscana, con 660.880. Firenze, con 3.152.054, è la scontata capolista, sorprendentemente Castiglione della Pescaia, con 1.437.702, è seconda; il podio è completato da Pisa con 1.141.260. Seguono Grosseto, Bibbona, Castagneto Carducci (tutte sopra un milione), Capoliveri, San Vincenzo, Orbetello, Viareggio, Piombino e Massa. Poi Siena, appunto, e anche dopo c’è quasi solo mare solo mare: Cecina, Rosignano Marittimo, Portoferraio, Montecatini Terme, Campo nell’Elba, Follonica, Camaiore. In tutte le località, eccetto Firenze, gli italiani arrivati sono più degli stranieri: anche a Siena, 392.975 rispetto 267.905, sebbene la differenza rispetto alle altre località sia meno marcata.

 


Va decisamente meglio la classifica degli arrivi, che indica il numero di turisti ospitati nelle strutture ricettive. Qui Siena risale fino al terzo posto toccando quota 295.484, preceduta soltanto da Firenze, 1.421.872, e Pisa, 413.193. Segno che Piazza del Campo continua ad attirare, ma che il turismo mordi e fuggi l’ha fatta da padrone nel 2021 e che le chiusure dell’inverno e della primavera non sono riuscite a compensare il logico gap estivo rispetto alle località marittime. Pesante, ovviamente, resta la carenza di turisti stranieri: soltanto 116.610, contro i 178.874 italiani a Siena. Perfino a Firenze sono arrivati più visitatori dal Belpaese, 716.453, che dall’estero, 705.419.

 

 

Con l’allentamento delle restrizioni nel corso del 2022, fino al liberi tutti deciso dal Governo l’1 marzo, è lecito augurarsi dati migliori per l’anno in corso, più vicini a ciò che era lecito aspettarsi fino all’arrivo del Covid, quando la fuga al mare è stata vista anche come una liberazione dai divieti. Lo spera Siena, lo spera ovviamente anche il resto della provincia, visto che nelle magnifiche 20 della Toscana non ci sono altre località del Senese. Né della Valdelsa, né della Valdorcia, né della Valdichiana, né dell’Amiata.