Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, incontro tra Anioc e Comunità in dialogo. Scambio di esperienze per aiutare i più deboli

  • a
  • a
  • a

L’Associazione Nazionale Insigniti Onorificenze Cavalleresche Anioc, fondata a livello Nazionale nell’aprile del 1949, è presente in tutta Italia e, dopo 73 anni di attività, con le sue delegazioni territoriali continua a testimoniare come gli insigniti di tutte le onorificenze cavalleresche possano esprimere una forza morale e civile guidata da alti ideali, quali la promozione umana attraverso il riconoscere tutti gli uomini fratelli nei doveri verso l’umanità e nei diritti che a tutti e a ciascuno ne derivano, il sentimento di Patria e la fede democratica. La delegazione di Siena, guidata dal cavaliere Maura Marchionni, ha impostato la sua attività mettendosi al servizio dei più bisognosi nella comunità in cui viviamo, consapevole che l’aver ricevuto questa prestigiosissima onorificenza di “Cavalieri della Repubblica” richiede grande impegno per rimanerne degni e come sia importante essere d’esempio verso il prossimo. E nell’ambito di questa attività che l’Anioc ha deciso di dare vita a una iniziativa in favore della Comunità in Dialogo Onlus, un’ associazione di volontariato, fondata nel 1991, a Casamaina (L'Aquila) da padre Matteo Tagliaferri e ora presente anche a Siena in via Enea Silvio Piccolomini.

Prendendo a prestito le loro stesse parole, si può definire quest’ associazione “un insieme di persone che lottano per essere se stesse, per riconquistare quella dignità che fa grande l’uomo, qualunque sia la sua storia, qualsiasi siano le sue ferite”. Si rivolge in particolare a coloro che rappresentano con maggiore evidenza la crisi morale e spirituale della nostra società e ne sono al tempo stesso testimoni e vittime: tossicodipendenti, alcolisti e persone con disagi psico-sociali e comportamentali. La Comunità opera per il recupero integrale della persona, su tre fronti: attività di prevenzione, attività di riabilitazione, attività di reinserimento sociale e lavorativo.

La scelta di incontrare questa associazione non è stata dunque casuale, bensì frutto della ricerca di un momento di condivisione e di vicinanza tra coloro ai quali è stato riconosciuto un merito e coloro che, attraverso l’esperienza di una vita intensa all’interno di una comunità cercano di ritrovare la parte migliore di sé: quella che fa di un essere umano un cittadino onesto, sincero, più autentico, in una parola più libero. L’Anioc ha inteso dimostrare la propria vicinanza a queste persone della Comunità in Dialogo anche attraverso un atto concreto, donando loro dei buoni spesa e questi, hanno contraccambiato donando dei prodotti frutto del lavoro agricolo.