Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, piove poco e fa sempre meno freddo. I dati del Consorzio Lamma

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

A Siena febbraio decisamente caldo, marzo nella media. Con poca pioggia. E’ quanto emerge dalle ultime elaborazioni del Consorzio Lamma, che come sempre ha lavorato sui dati registrati nella stazione di Poggio al Vento, gestita dall’Aeronautica Militare. Parlando di temperature, febbraio 2022 è all’11esimo posto della graduatoria: il mese più caldo è stato nel 2020 con 10,2 gradi centigradi seguito dal 2016 con 10,1; il febbraio più freddo il 1963 con 1,9. Il Consorzio Lamma, laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile, è nato dalla sinergia tra Regione Toscana e il Consiglio nazionale delle ricerche: i dati vengono confrontati con quelli degli ultimi 66 anni (lo storico inizia nel 1955). “La temperatura media a febbraio, 9 gradi, è stata decisamente superiore al passato – osserva Bernardo Gozzini, direttore scientifico del Consorzio Lamma e primo tecnologo all’istituto per la bioeconomia - con +2,7 gradi rispetto al clima 1981-2010, e +2 gradi rispetto al periodo 1991-2020”. La giornata più calda è stata mercoledì 23 quando il termometro è arrivato fino a 18,3 gradi, mentre quella più fredda domenica 27 con una massima di 7,2 gradi. Quanto alle minime la più bassa è stata lunedì 28 con 2,6 gradi e quella più alta sabato 19 con 9,1: quindi nessun giorno con minime sotto lo zero e solo quattro giorni con temperature massime sotto i 10 gradi centigradi.

“Il mese di marzo, con 9,5 gradi di media – aggiunge il direttore di Lamma – è invece in linea con quanto registrato fra il 1955 e il 2022, con valori molto vicini alle medie del periodo”. Il marzo più caldo è stato il 2012 con 12,6 gradi, seguito dal 2017 con 12,5 gradi mentre il più freddo il 1987 con 3,8°C di media. Le temperature a marzo sono risultate poco sotto media rispetto al clima 1991-2020 (9,9°C) e leggermente sopra rispetto al trentennio 1981-2010 (9,2°C). La giornata più calda è stata giovedì 24 quando il termometro è arrivato fino a 22 gradi, mentre quella più fredda venerdì 4 con una massima di 6,8 gradi. Per quanto riguarda le temperature minime, domenica 6 il termometro è sceso fino a 0,1 gradi; domenica 27, invece, 12,5 gradi. Ci sono stati sette giorni con temperature minime inferiori a un grado e quattro giorni con temperature massime sopra i 20 gradi. Tra febbraio e marzo il termometro a Siena, quindi, non è mai sceso sotto zero.

Quanto alle precipitazioni a febbraio sono caduti 50 millimetri di pioggia rispetto ai 61,2 millimetri attesi: -18%. Dei 50 millimetri di febbraio 33 sono caduti martedì 15: il febbraio più piovoso è stato il 2016 con 191,4 millimetri, seguito dal 2014 con 159,1 millimetri; il più secco il 1993 con un solo millimetro di pioggia. Ancora più arido il mese di marzo che si è concluso con 25,4 millimetri: -57% rispetto ai 58,4 millimetri attesi. Di questi 25,4 millimetri, 19,6 sono caduti in un solo giorno, giovedì 31 marzo. Tra il 30 e il 31 marzo – puntualizza Gozzini - sono caduti 22 millimetri. In due giorni si è quindi concentrato l’87% di tutto il mese”. Il record di pioggia si è avuto nel 1960 con 194 millimetri, seguito dal 2018 con 163 millimetri; il più secco è stato il 1961 con 0 millimetri, poi il 1994 con 0,4 millimetri. “Dall’inizio dell’anno a Siena sono caduti 110,8 millimetri rispetto ai 172,6 che cadono normalmente nel trimestre gennaio, febbraio e marzo – conclude il direttore scientifico del Consorzio Lamma – ovvero 36% in meno rispetto alla norma. Questo deficit è stato soprattutto nei mesi di gennaio e marzo, febbraio è quello con una riduzione minore”.