Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, 483 i morti contagiati dal Covid. Dati migliori rispetto a Toscana e Italia

Esplora:

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

A Siena, e nel resto della Asl Toscana Sud Est, si muore meno di Covid rispetto al resto della regione e dell’Italia. Analizzare i dati significa ripercorrere dolorosamente due anni terribili. Il Coronavirus in provincia di Siena ha ucciso 483 persone, secondo il report fornito dalla Asl Toscana Sud Est: nell’area vasta i morti sono stati 1.495, poiché vanno aggiunti anche i 358 di Grosseto e i 654 di Arezzo. Il Covid si è preso 9.301 vite in Toscana (fonte Regione Toscana) e 157.607 in Italia (fonte Ministero della Salute): fin qui i numeri assoluti. Ai quali vanno affiancati quelli relativi, da incrociare con la popolazione e con il numero dei contagiati di ciascun territorio. In provincia di Siena ci sono circa 268mila abitanti mentre i contagiati sono stati almeno 62.087: significa che quasi un senese su quattro ha preso il Covid, ovvero il 23,17% della popolazione. Qui i numeri sono simili dappertutto: ad Arezzo il 24,64% (84.517 infezioni su circa 343mila abitanti), nell’area vasta il 23,11% (192.515 su 833mila abitanti), in Toscana il 24,70% (921.405 su circa 3.730.000 abitanti), in Italia il 23,02% (13.724.411 su circa 59.600.000 abitanti); la vicina Grosseto si infetta meno, con una percentuale di contagiati del 20,86% (45.911 casi ufficiali su circa 222mila abitanti).

Incrociando popolazione e contagiati con i decessi, emergono le indicazioni più interessanti. I 483 morti di Siena rappresentano lo 0,180% rispetto alla popolazione e lo 0,778% rispetto ai contagiati. Dati in linea con quelli dell’area vasta, ma decisamente inferiori rispetto alla Toscana e all’Italia. Nel Granducato il tasso di mortalità sulla popolazione è lo 0,249%, il 37% in più, e sui contagiati l’1,095, il 41% in più; in Italia ancora più alto, lo 0,264% sulla popolazione, il 47% in più, e l’1,148% sui contagiati, + 47,5%. Del tutto simile, invece, l’incidenza dei morti ogni 100 contagiati nelle tre province della Sud Est (anche Grosseto è a 0,778, Arezzo 0,773, area vasta 0,777); vicini quelli dei decessi ogni 100 abitanti, 0,18% a Siena, con Grosseto in cui ci si contagia e quindi si muore anche meno (0,16%), Arezzo in cui ci si contagia e si muore (0,19%) un po’ di più. Numeri comunque molto più bassi rispetto alla Toscana e all’Italia: perché?

In attesa di studi epidemiologici accurati viene da pensare che a incidere siano le tipologie dei territori del sud della Toscana, meno densamente popolati. E soprattutto il fatto che nella prima ondata questa parte del Granducato sia stata praticamente risparmiata dal Covid: in Lombardia, Veneto, nel resto del Nord, ma anche nella Toscana centro settentrionale, sanno bene quanto fosse più drammatica quella lotta, senza vaccini, medicinali e terapie. Come combattere a mani nude contro un nemico spietato, del quale ancora non si sapeva niente. Ora è tutto diverso, ma quei mesi drammatici in cui la mortalità era ferocemente superiore, nelle attuali - e complessive - statistiche pesano eccome.

...