Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, con la Strade Bianche la città si colora: tanti turisti ed elogi dei ciclisti

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

“Questa è una giornata veramente molto bella. Siena deve sempre stare nell’eccellenza”. Sono parole del sindaco di Siena, Luigi De Mossi, che ieri mattina ha dato il via dalla Fortezza medicea alla corsa ciclistica Strade Bianche mentre nel pomeriggio ha premiato in piazza del Campo i vincitori sia della gara femminile che di quella maschile. Qualcosa di simile, con così tanti appassionati dello sport del pedale sulle strade del territorio, a Siena non lo si era mai visto nelle varie edizioni di questa manifestazione che è stata ideata nel 2007. In pochi anni Strade Bianche è riuscita a diventare uno degli appuntamenti più importanti della stagione di corse: è la prima importante gara in ordine temporale, ed è al contempo una delle più rilevanti e prestigiose dell’anno. Non a caso è già oggi considerata la sesta “corsa monumento”, accanto alle cinque classicissime Parigi-Roubaix, Giro delle Fiandre, Liegi-Bastogne-Liegi, Milano-Sanremo, Giro di Lombardia.

 

 

Ieri mattina alle 9,10 ha preso il via la corsa femminile, dalla Fortezza medicea. Un’ora dopo sono arrivati sul posto i partecipanti della corsa maschile: le squadre sono state presentate su un palco e tanti erano gli appassionati presenti, pronti a scattare fotografie e a fare video ai ciclisti. Il primo a salire sul palco è stato il francese Julian Alaphilippe, che ha mostrato la sua maglia da campione del mondo. Poi via via tutti gli altri, e per ultimo è salito sul palco della presentazione lo sloveno Tadej Pogacar, vincitore delle ultime due edizioni del Tour de France. A salutarli e applaudirli c’erano molti italiani, ma anche tantissimi stranieri. Scene che, a causa del Covid, purtroppo non si vedevano da tempo. E invece ieri sulle lastre si sentiva parlare tedesco, francese, inglese: gli europei sono tornati a visitare Siena per le Strade Bianche. “Questo – dichiara il sindaco De Mossi – è ormai un evento che è entrato a far parte della tradizione senese. Siena d’altronde tende e abbraccia manifestazioni che hanno questa caratura e questo livello. E’ anche un’apertura molto anticipata della stagione estiva”.

 

 

Non possono poi che fare piacere quelle che sono le dichiarazioni degli stessi ciclisti. I quali per lavoro viaggiano per il mondo e pedalano nei cinque continenti. Quando arrivano a Siena, tuttavia, sono anche loro colpiti dalla bellezza del paesaggio e del percorso di Strade Bianche. “E’ la corsa più bella al mondo”, la frase di Pogacar. “E’ una corsa unica”, ciò che invece ha detto Alaphilippe. Dichiarazioni che aumentano il potere di fascinazione di questa gara e al contempo di questo territorio. “Avere questo tipo di considerazione dai corridori e dagli addetti ai lavori è un altro aspetto certamente importante – aggiunge il primo cittadino. – Noi siamo immersi nella bellezza e a volte finiamo per dimenticarcelo. Diamo tutto questo quasi per scontato. Accade quindi che simili dichiarazioni di persone che arrivano a Siena e che la apprezzano finiscono per ricordarci che abbiamo un paesaggio che è unico al mondo”. La corsa di ieri ha naturalmente avuto anche il sapore dell’uscita da un periodo duro, quello che è stato caratterizzato dalla pandemia da Coronavirus. Lo scorso anno Strade Bianche si corse, ma con forti limitazioni per la presenza di pubblico lungo il percorso. Mentre quest’anno si è finalmente ritornati quasi a quella che era la normalità. “Si vive una riscoperta della socialità – afferma De Mossi. – Penso anche al turismo e a tutte le attività della città. Eventi come Strade Bianche sono fondamentali pure per creare un circuito che vada a destagionalizzare il turismo, creando flussi importanti di visitatori anche in periodi differenti da quello estivo. Questa amministrazione comunale ha lavorato a fondo proprio per raggiungere obiettivi in tal senso e per poter avere visitatori in tutti i periodi dell’anno, cercando anche di non avere dei turisti ‘mordi e fuggi’ ma che sappiano godere del territorio con calma e in più giornate”.