Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, a spasso con la pistola (giocattolo): denunciato quindicenne

Esplora:

  • a
  • a
  • a

Se ne andava in giro a Siena con una pistola, tenuta al fianco, con una certa naturalezza, fermandosi a parlare con altri ragazzi. L’arma per fortuna era un giocattolo ma chi la esibiva con scioltezza ha appena 15 anni. Così un ragazzino è finito nei guai, beccandosi una denuncia a piede libero dopo che una pattuglia di finanzieri in borghese l’ha trovato mentre era a spasso tranquillamente con l’arma finta ma che riproduce in maniera perfetta quella vera, ovvero una semiautomatica, e senza tappo rosso. Da qui è scattato l'intervento di una pattuglia di finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Siena. Un altro episodio inquietante che coinvolge due minori italiani i cui atteggiamenti hanno reso necessario l’intervento delle forze dell’ordine. Una pattuglia di finanzieri in borghese, in servizio nel cuore cittadino aveva notato un singolare duetto, ovvero due soggetti vestiti di nero, uno dei quali con un cappuccio calzato, che si aggiravano nelle adiacenze di un terminal di autobus affollato da studenti in uscita dagli istituti scolastici.

Ai militari non sfuggiva come uno dei soggetti impugnasse verso il basso e lungo la propria gamba una pistola di colore nero mentre si relazionava con altri giovani: una situazione abbastanza inquietante, ragione per cui decidevano di intervenire subito disarmandolo e fermandolo insieme al suo compagno. I due ragazzini erano sprovvisti di documenti di riconoscimento, così entrambi sono stati condotti in caserma. Qui è venuto fuori non solo che i due soggetti erano minorenni ma anche che uno degli interessati era già noto alle forze dell’ordine in quanto nel tempo era stato denunciato per detenzione di banconote false e detenzione di sostanza stupefacente per uso personale.

A questo punto si sono attivate tutte le procedure tenendo conto della delicatezza della situazione. Il pubblico ministero di turno presso la Procura della Repubblica per i minorenni di Firenze autorizzava il deferimento di uno dei minori per i reati in materia di armi (art. 4 legge 110 del 1975), mentre l’arma giocattolo è stata sottoposta a sequestro. La posizione del minorenne trovato con la finta semiautomatica dunque passerà al vaglio del Tribunale dei minorenni di Firenze per il proseguimento giudiziario. Continua a restare elevata l’attenzione verso i luoghi dove sono maggiormente frequenti le occasioni di socializzazione, soprattutto tra i più giovani, in considerazione anche degli episodi di bullismo e aggressioni tra ragazzini che si erano verificati lo scorso anno in città. Episodi pesanti che avevano mostrato con segni evidenti alcuni spaccati del disagio giovanile. Così le forze dell’ordine, come successo per la pattuglia di finanzieri, nell’ambito del quotidiano impiego delle pattuglie dedicate al contrasto dei traffici illeciti in genere, continueranno a mantenere alta l’attenzione verso la specifica area di intervento specie in prossimità dei luoghi più frequentati dai giovanissimi.