Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, in Toscana 16.290 nuovi contagi. Leggero calo del tasso di positività: 18.61%

  • a
  • a
  • a

I contagi da Covid 19 sono quasi triplicati in Toscana, nel bollettino di oggi, martedì 11 gennaio. Ma è accaduto a fronte di un netto aumento del numero di tamponi processati, tanto che il tasso di positività cala leggermente. Su Telegram, come sempre, il governatore della Toscana Eugenio Giani anticipa il numero dei nuovi casi di Coronavirus registrati sul territorio regionale. Sono 16.290 su 87.520 test di cui 20.951 tamponi molecolari e 66.569 rapidi. Nella giornata di ieri, lunedì 10 gennaio, i nuovi casi erano stati 5.790 su 30.157 test di cui 15.722 tamponi molecolari e 14.435 test rapidi. Va considerato, inoltre, che i dati del lunedì sono sempre riferiti agli esami sostenuti la domenica precedente, che ovviamente sono molti meno rispetto ad un giorno feriale. Stando ai dati diffusi, oggi il tasso dei nuovi positivi è del 18,61% (77,4% sulle prime diagnosi), mentre nel bollettino precedente si era attestato al 19,20% (59,6% sulle prime diagnosi).

Intanto a livello nazionale di torna a parlare della possibilità di estendere ulteriormente l'obbligo vaccinale. Il governo procederà con "il criterio della gradualità". Lo ha spiegato il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, a RaiNews24. "Oggi abbiamo fatto questa scelta sugli over 50 perché i dati ci dicono che sono della categoria che rischia di più di contrarre il Covid con conseguenze gravi".

E ancora: "Non dobbiamo guardare il numero dei contagi, ma quello dei ricoveri e la pressione sui nostri ospedali. Ed è ragionevole pensare che una quota dei contagiati possano essere cittadini non vaccinati e sono loro che occupano le nostre terapie intensive in maniera maggioritaria. Quindi l'idea di introdurre l'obbligo per una platea di circa 2 milioni e 300 mila concittadini non vaccinati va nella direzione di cercare di ridurre la platea". L'obbligo "non è un tabù" e "valutiamo di volta in volta il quadro epidemiologico. Pronti a valutare se ci sarà bisogno di allargare o prendere altri provvedimenti".