Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, la scuola riparte regolarmente, ma in quattro comuni vacanze di Natale allungate fino a lunedì

  • a
  • a
  • a

In provincia di Siena l’attività scolastica riprende in presenza in tanti istituti del territorio. Ma non in tutti. In alcuni Comuni le lezioni in classe ripartiranno dalla giornata di lunedì prossimo, 10 gennaio: ciò per le ordinanze al riguardo che sono state decise e firmate dai primi cittadini. Accadrà nei comuni di Colle Val d’Elsa, Montalcino, San Quirico d’Orcia e Buonconvento. A San Gimignano, invece, visti i provvedimenti di quarantena ai quali sono sottoposti insegnanti e anche membri del personale scolastico, si riparte ma con la didattica a distanza, dell’istituto comprensivo che riguarda scuola materna, elementari e medie. Si torna, dunque, a seguire le lezioni stando a casa e non in classe.

Anche in tutta la provincia di Siena, la situazione rimane molto complicata e preoccupante nell’universo scolastico in relazione alla pandemia da Covid che sta continuando a diffondersi in maniera esponenziale. Ci sono 2 mila presidi di tutta Italia che hanno firmato un appello, rivolto e indirizzato al premier Mario Draghi, affinché venisse presa dal governo nazionale la decisione di effettuare due settimane di lezioni in didattica a distanza per cercare di adeguare i plessi scolastici e di accelerare la vaccinazione dei giovanissimi.

Tra i firmatari del documento c’è anche Luca Guerranti, preside degli istituti Caselli, Marconi e Monna Agnese nonché referente provinciale dell’Associazione nazionale dei presidi: “Bastava avere più coraggio – commenta – e optare per qualche giorno di rinvio relativamente alla ripresa dell’attività scolastica”. Il governo invece ha preso un'altra strada. Le scuole, a meno di provvedimenti degli enti locali come accaduto nei quattro comuni in provincia di Siena, riprendono regolarmente anche se cambiano totalmente le regole per stabilire se un'intera classe deve andare in quarantena o in dad. Regole che variano a seconda dell'età degli studenti e degli istituti scolastici che gli stessi stanno frequentando. La speranza è che tali misuri aiutino a ridurre i contagi.