Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid, il governatore Giani: "Il vaccino doveva diventare obbligatorio per tutti". In Toscana altri 17.286 contagi

  • a
  • a
  • a

In Toscana il Covid continua la sua marcia. Secondo il pre bollettino di oggi, giovedì 6 gennaio, ovviamente riferito al giorno precedente, i nuovi contagi sono 17.286. Il dato scaturisce dall'analisi di 75.524 tamponi di cui 22.889 molecolari e 52.635 rapidi. Lo riferisce sul suo canale Telegram il presidente della Regione, Eugenio Giani. Cala il tasso complessivo dei nuovi positivi rispetto ai test eseguiti, che passa dal 25,19% del precedente bollettino al 22,89% della giornata di oggi, mentre il tasso dei positivi sulle prime diagnosi sale, attestandosi al 75,4% contro il 74,6%. Il bollettino completo, come al solito, sarà ufficializzato nelle prossime ore.

Il governatore della Toscana è intervenuto anche sulle decisioni del Consiglio dei ministri del governo guidato da Mario Draghi, sottolineando che a suo avviso l'obbligo vaccinale andava esteso a tutti. "Quando si fissano le regole dovrebbero essere uguali per tutti" e per questo "io avrei esteso l'obbligo" della vaccinazione anti Covid "a tutte le fasce di età", ma "le posizioni di alcune forze politiche hanno frenato" l'azione del governo, "comunque è un passo avanti". Queste le parole del presidente della Regione Toscana che è intervenuto a Buongiorno Regione su Rai3, in collegamento dall'hub vaccinale di Firenze.

Giani nel suo intervento ha ribadito che i no vax "appesantiscono ospedali, terapie intensive e tamponi", sostenendo che "oggi c'è un dovere di comunità e chi non è vaccinato deve vaccinarsi". Un concetto che aveva espresso molto chiaramente già nella giornata precedente, mercoledì 5 gennaio. Il governatore della Toscana critica chi rifiuta il vaccino per principi ideologici o per paura, così come ha fatto anche Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo che ha sottolineato come i no vax causino ritardi nell'azione sanitaria necessaria per i pazienti cardiopatici e per quelli oncologici. Un problema che naturalmente si estende a tutto il territorio nazionale.