Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morte David Rossi, l'ex colonnello Mortillaro 3 ore e 40 minuti davanti alla commissione: conferme ed errori sugli orari

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

“Tutto bene, è andata benissimo. Non posso dire altro, ma è andata bene”. Dopo tre ore e quaranta minuti di audizione nella commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte di David Rossi, il colonnello dei carabinieri Rosario Mortillaro, ora in pensione, rilascia solamente queste dichiarazioni ai cronisti in sua attesa. “Lo sapete, mi conoscete, mi attengo alle regole e non posso parlare”, aggiunge. Era atteso alle ore 16 di martedì 21 dicembre in prefettura, ma si è presentato con una buona mezz’ora di anticipo. Così alle 15,30 ha salito le scale dell’edificio in piazza Duomo  Siena per poi ridiscenderle alle 19,40. Tante le domande che gli sono state poste dai componenti della commissione parlamentare, mentre a qualche centinaio di metri di distanza, nel vicolo di Monte Pio, erano in corso la simulazione della caduta dell’ex responsabile della comunicazione di Banca Mps.

Dopo le ultime rivelazioni emerse soprattutto nell’audizione del colonnello Pasquale Aglieco era molto attesa l'audizione di Mortillaro. Tanti i temi trattati, relativi a cosa avvenne nella stanza di Rossi dopo la sua morte. Molti i particolari ancora da definire, sul cestino svuotato e poi nuovamente “riempito” e “rimesso a posto”, sulla scena che sarebbe stata “alterata”, sulla telefonata dell’onorevole Daniela Santanchè al cellulare di Rossi. E anche sul presunto dissidio sulla competenza di azione, di intervento e di operazioni che si sarebbe verificato tra carabinieri e polizia. La commissione ha inoltre chiesto al colonnello come mai abbia dichiarato di avere lasciato attorno alle ore 22 il luogo nel quale David Rossi è morto mentre alcune fotografie lo ritraggono nel vicolo di Monte Pio quando la mezzanotte era già passata. Tutte le domande dei componenti della commissione e le risposte di Mortillaro sono state secretate.

“L’audizione è proseguita a lungo ed è stata molto delicata”, ha commentato il presidente della commissione Pierantonio Zanettin. “Abbiamo posto tante domande al colonnello Mortillaro, e su molti aspetti non possiamo fornire informazioni perché gli elementi sono stati secretati – spiega Walter Rizzetto, esponente di Fratelli d’Italia e componente della commissione – Ha ribadito la sua versione, al netto che aveva dichiarato di essere rimasto sul posto fino alle ore 22 mentre ci sono fotografie che dimostrano che vi rimase per almeno altre due ore. A questo proposito ha dichiarato di essersi sbagliato perché ad anni di distanza non si ricordava con esattezza gli orari”.

Sono secretati tanti aspetti che la commissione ha trattato, in particolare quello che avvenne dentro alla stanza di Rossi dopo la sua morte. “Su questi aspetti non possiamo dire nulla – afferma Rizzetto – Dico comunque che l’audizione è stata molto interessante. Ci sono state delle conferme che definirei assolutamente significative”. Le audizioni oggi, mercoledì 22 dicembre, proseguiranno a Roma. Verranno ascoltati altri tre carabinieri: il tenente colonnello Giuseppe Manichino (ex comandante del nucleo investigativo del comando provinciale di Siena), il maggiore Edoardo Cetola (all’epoca tenente al nucleo operativo e radiomobile di Siena) e il tenente Marcello Cardiello (che nel 2013 era il comandante della stazione dei carabinieri di Siena centro).