Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, positivo al tampone anche il marito della turista inglese contagiata dalla variante Omicron

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

A Siena è positivo anche il tampone del marito della turista inglese, primo caso di variante Omicron in provincia e in Toscana. C’era attesa per il test al quale il cittadino britannico era stato sottoposto dopo che il servizio di tracciamento della Asl Toscana Sud Est, non senza difficoltà, era riuscito a rintracciarlo. L’esito del tampone dice che l’uomo ha contratto il Covid e adesso scatterà il sequenziamento per capire se il virus da cui è stato infettato è la variante Omicron. Tutto lascerebbe prevedere questo, ovviamente, ma senza il sequenziamento (esami complessi, possono richiedere diversi giorni) non ci sarà la conferma.

Che sia Omicron o Delta, in realtà, cambia e cambierà poco se non nel poter dire che Siena ha il secondo caso di Omicron. Lo ha spiegato bene la professoressa Maria Grazia Cusi, direttore del reparto di microbiologia e virologia alle Scotte, il primo ospedale in Toscana ad isolare il virus Sars-CoV-2 nell’aprile 2020 e poi la variante Omicron. “I contagi aumenteranno – ha spiegato – questo è certo. Ma per capire cosa abbiamo di fronte dovremo aspettare due settimane”. Anche perché, come ha ricordato la stessa Cusi, non ci sono dati scientifici, oggi, che fanno temere maggiore gravità della variante Omicron.

Più contagiosa la nuova mutazione potrebbe finire con il soppiantare la Delta come già successo con le precedenti varianti (e quasi certamente succederà ancora con le prossime, quando una mutazione diventerà in grado di dominare le altre). Di certo, invece, è in corso il tracciamento per risalire ai contatti dell’uomo: dopo due giorni a Firenze la coppia si è spostata a Siena dove la donna è stata ricoverata alle Scotte (per altra patologia). Solo il tampone di routine ha rivelato la sua positività. Poi il marito, asintomatico come la donna e quindi in isolamento, ha soggiornato in un bed&breakfast a Siena: ora la Asl lavora per individuare i contatti da sottoporre a screening.