Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Morta per la caduta dalla mongolfiera, autopsia decisiva per ricostruire la dinamica

Filippo Melattini
  • a
  • a
  • a

Una morte tragica su cui la Procura sta indagando per fare chiarezza. L’autopsia sul corpo di Elisa Agnoletti, la pilota di mongolfiere che lunedì 16 agosto ha perso la vita in seguito ad un incidente al termine di un tour panoramico, verrà svolta giovedì 19 agosto. Una volta terminati i rilievi la salma andrà nella sua Cesena, dove si terrà il funerale. Il pm Niccolò Ludovici, tramite l’aiuto dei carabinieri, ha già raccolto tutte le testimonianze dei presenti al momento dell’incidente. Il racconto dei testimoni è fondamentale per ricostruire la dinamica, in particolare per capire il motivo che ha causato la risalita della mongolfiera. Decisivo per un completo chiarimento sarà anche il risultato della perizia, affidata a Giovanni Aimo, esaminatore Enac e istruttore di piloti. Il riscontro non arriverà prima di 30 giorni.

 

 

La mongolfiera, dopo essere stata recuperata dalla zona boschiva in cui era atterrata, è stata portata in un capannone nel comune di Buonconvento ed è a disposizione per altri eventuali accertamenti. Parallelamente al fascicolo aperto dal pm Ludovici per omicidio colposo contro ignoti, l’agenzia nazionale per la sicurezza del volo (Ansv) ha avviato un’inchiesta di sicurezza, nell’ottica di prevenire futuri incidenti. Anche i dati raccolti dal tecnico dell’Ansv richiederanno diversi giorni di tempo per essere elaborati, anche se i risultati non possono attribuire colpe o responsabilità. La Procura ha inoltre attivato i tecnici della prevenzione della Asl, che sta quindi svolgendo accertamenti per capire se questa tragedia è da ritenere un incidente sul lavoro.