Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Palio straordinario a settembre, vertice in prefettura. De Mossi: "Porterò le mie proposte"

Gennaro Groppa
  • a
  • a
  • a

Sabato 14 agosto alle 16 in prefettura si terrà l’incontro tra il sindaco di Siena Luigi De Mossi, il prefetto Maria Forte e il questore Costantino Capuano per fare il punto relativamente alle possibilità di correre un Palio straordinario alla fine di settembre. “Porterò alcune proposte”, ha dichiarato il primo cittadino al termine della riunione effettuata giovedì a palazzo comunale con il rettore del Magistrato delle contrade Claudio Rossi e con gli altri sedici priori. Verrà domandato alle autorità se esista la possibilità di avere delle deroghe rispetto al decreto anti-Covid in vigore.

 

 

E si parlerà delle possibili modalità per poter discutere dello svolgimento di una Carriera. “Dovremo capire – ha detto giovedì il sindaco – se sarà possibile avere delle deroghe rispetto a quel che dice attualmente il decreto, credo che il Palio per la sua importanza storica, culturale e sociale si meriterebbe anche di averne alcune, sempre nell’ambito della sicurezza”. L’incontro di oggi sarà cruciale prima di arrivare alla decisione relativa allo svolgimento o meno della Carriera straordinaria, che arriverà entro la fine della prossima settimana. Sarà importante quindi conoscere la posizione al riguardo del prefetto e del questore.

 

 

L’incontro di giovedì è stato comunque importante anche per mettere le basi relativamente a ciò che, possibile Straordinario di settembre a parte, potrà essere fatto nel 2022. “Perché – ha detto De Mossi – sicuramente non possiamo farci mancare il Palio nel 2022. Lavoriamo sia per l’immediato ma anche in prospettiva dell’anno prossimo. Le preoccupazioni espresse dai priori sono di non stravolgere le tradizioni e di non consentire, ad esempio, a rappresentative parti delle varie contrade di partecipare a momenti fondamentali della Festa. Perché è il popolo che fa il Palio. Questa amministrazione ha provato anche ad effettuare i Palii ordinari, non è vero che non c’è voglia di Palio”.