Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, Palio Straordinario: "Da correre a tutti i costi, anche con il Green Pass" il parere di Vigni

Marco Decandia
  • a
  • a
  • a

La prima settimana di agosto è passata, la seconda è a metà corsa, e ancora non si hanno notizie sull’eventuale Palio straordinario per non rimanere a digiuno nel 2021. Lo stato di emergenza prorogato fino al 31 dicembre ha complicato, probabilmente in maniera fatale, il cammino verso una Carriera tra settembre e ottobre, ma il primo cittadino Luigi De Mossi, a fine luglio, aveva tenuto una finestra aperta. Dopo un confronto con il rettore del Magistrato delle contrade Claudio Rossi, e con il decano dei capitani Marco Antonio Lorenzini dell’Aquila, aveva parlato di una decisione da prendere entro i primi sette giorni di questo mese, in modo da avere un quadro degli sviluppi della pandemia e di potersi confrontare con le autorità (prefetto e questore), per valutare come accordare la Festa, con i suoi ritmi e la sua esigenza di essere “di popolo”, ai dettami del governo e alla gestione dell’ordine pubblico, visti i rischi di assembramenti e di tensioni se il protocollo da seguire dovesse imporre di tenere fuori molti contradaioli, che andrebbero a intasare le vie del centro intorno a piazza del Campo.

 


Tante componenti sotto la lente d’ingrandimento, compreso il dato di fatto che mettere in moto la macchina per uno Straordinario comporta almeno un mese di lavoro, di assemblee e di consigli comunali prima di arrivare a stendere il tufo nell’anello. Di certo c’è che a oggi una scelta definitiva non c’è, che sia positiva o negativa.
Tra chi l’elettricità del Palio l’ha vissuta in prima persona, e ha sempre detto quello che pensa senza timore di essere scomodo, è l’ex fantino Silvano Vigni, una trentina di apparizioni nel Campo con il soprannome di Bastiano, cinque vittorie e una preoccupazione latente. “Sto percependo un malessere generale - dichiara. - C’è una sorta di rassegnazione in qualche contradaiolo vero, questi sono segnali da non sottovalutare. Se c’è un minimo di possibilità di fare il Palio, anche con il green pass, io direi di coglierla. Non vorrei che le persone si allontanassero dai rioni, e mi riferisco soprattutto ai giovani”.

 

 


Tra i suoi colleghi ancora in attività, Giuseppe Zedde detto Gingillo sta attraversando un periodo particolarmente felice dal punto di vista personale. Domenica, infatti, ha sposato a San Galgano la sua compagna di vita Federica Regnani, top model abituata alle grandi passerelle che per lui non ha esitato a occuparsi in prima persona di cavalli e a riciclarsi in maestra elementare nel Chianti. Il matrimonio era previsto nel 2020, il Covid lo aveva cancellato. “Lo abbiamo rinviato e rinviato - scherza Zedde - ma ora siamo arrivati a conclusione”. Sui temi dello Straordinario assume una posizione più pacata rispetto all’uomo di Vescona: “Mi sono sempre tenuto in allenamento e nel caso sarei pronto. Figuriamoci se non mi farebbe piacere tornare a correre: nel 2019 ho scontato la squalifica e nel 2020 è arrivata la pandemia. E' davvero troppo che sono fuori, ma anche se sono passati due anni, me lo ricordo ancora cosa si deve fare in Piazza. Per noi è una professione che ci piace, per i contradaioli invece è una questione di passione. Speriamo che ci sia qualche possibilità, ma non sarà facile. Bisogna procedere con cautela, e se non si creeranno i presupposti, si andrà all’anno prossimo”.  Per il sindaco De Mossi, dunque, una corsa contro il tempo, ma anche una ricerca di compromessi tra le normative e lo spirito della Festa, che non fanno dormire sonni tranquilli. Per questo si è rivolto direttamente al Ministero dell’interno, per capire se è il caso di andare avanti con il sogno che sta cullando tutta la città. Il nuovo protocollo, tanto per dirne una,"impone che anche nelle manifestazioni all’aperto il pubblico debba stare seduto, oltre che distanziato. Esattamente il “Palio con le sedie in piazza del Campo” di cui ha parlato di recente il presidente del comitato Amici del Palio, Emiliano Muzzi, sul Corriere di Siena, respingendo con sdegno la prospettiva. I senesi lo potrebbero accettare?