Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Meteo Siena, a luglio più caldo e meno pioggia della media. Tutti i dati del Consorzio Lamma

Esplora:
 bernardo-gozzini

Carlo Pellegrino
  • a
  • a
  • a

Un luglio caldo, ma non caldissimo. E poco piovoso, ma non troppo più secco rispetto a quanto atteso a Siena in questo periodo. E’ ciò che emerge dall’elaborazione mensile del Consorzio Lamma, il laboratorio di monitoraggio e modellistica ambientale per lo sviluppo sostenibile.  Come sempre i dati vengono registrati nella stazione di Siena Poggio al Vento, gestita dall’Aeronautica Militare e poi confrontati dal Consorzio, nato dalla sinergia tra Regione Toscana e il Consiglio nazionale delle ricerche, con quelli degli ultimi 70 anni.

 

 

Dal 1951 al 2021, il luglio appena concluso si piazza al 18esimo posto come mese più caldo: il valore medio è stato di 24,9 gradi. “Osserviamo +0,5 gradi rispetto al clima calcolato sul trentennio 1991-2020 – spiega Bernardo Gozzini, direttore scientifico del Consorzio Lamma e primo tecnologo all’istituto per la bioeconomia - e +0,8 sul trentennio 1981-2010. Possiamo quindi parlare di un mese con una temperatura leggermente superiore alla media del periodo”. A Siena il luglio più caldo dall’inizio delle rilevazioni è stato il 2015 con 27,2 gradi centigradi, seguito dal 2006 con 26,4, dal 1985 con 26,2, dal 1983 con 26 gradi. A fronte di queste quattro annate con temperatura media superiore a quota 26 gradi, il luglio più fresco è stato il 1981: “solo” 20,6 gradi.
Tornando a luglio 2021, il termometro è balzato fino a quota 35,2 gradi nella giornata di giovedì 29. Mentre da lunedì 12 a lunedì 19 l’afa ha concesso una tregua: la massima non ha mai sfondato il muro dei 30 gradi. Abbastanza scontato che la notte più fresca sia stata in questa settimana: tra mercoledì 14 e giovedì 15 il termometro è sceso fino a 14,7 gradi. Quasi 8 gradi in più, invece, tra sabato 24 e domenica 25, con la minima a quota 22,5.

 


Capitolo precipitazioni. “Luglio – analizza il direttore Gozzini – è un mese storicamente poco piovoso a Siena, cadono tra i 28 e i 29 millimetri di pioggia. Quest’anno ancora meno, 22,6, dei quali 12,8 nella sola giornata di sabato 17”. Significa che negli altri 30 giorni non si è arrivati a 10 millimetri di pioggia. Peggio è comunque andata nel 2021, quando non cadde neppure una goccia d’acqua. Il luglio più piovoso, invece, è stato nel 1989 con 117,8 millimetri, seguito dal 1987 con 96,4 e dal 2014 con 93,6.
E agosto? E’ stata una partenza tiepida, con giornate e nottate piacevoli un po’ in tutta la provincia in Toscana, non solo a Siena. “Dopo un giugno particolarmente caldo e un luglio comunque sopra la media – osserva Gozzini – abbiamo avuto un po’ di refrigerio”. Situazione che pare destinata a cambiare presto. “Nella seconda settimana di agosto – conclude il direttore scientifico del Consorzio Lamma – tornerà a fare molto caldo. Stiamo già vivendo aumenti che diventeranno più consistenti martedì, con temperature molto alte almeno fino a Ferragosto, ma è un quadro che potrebbe anche proseguire più a lungo”.