Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, reddito di cittadinanza: furbetto perde il sussidio dopo la vincita online non comunicata all'Inps

Giovanna Belardi
  • a
  • a
  • a

Baciato dalla sfortuna un cinquantenne del Chianti senese originario dell’Est Europa, che vince in un gioco online ma perde il reddito di cittadinanza. Infatti pur avendo accumulato premi per 16 mila euro aveva tralasciato di segnalarli e così continuava a far figurare le entrate invariate, riuscendo quindi a restare nei parametri per il reddito di cittadinanza.

 

Ma simili variazioni non sono sfuggite agli accertamenti della Guardia di Finanza di Siena che attraverso un sistema di controlli incrociati ha scoperto che nel 2019 il soggetto in questione aveva avuto entrate che mutavano la sua situazione. In un periodo tanto delicato, c’è grande attenzione alle modalità con cui le risorse dello stato vengono impiegate. Per questo i finanzieri del comando provinciale di Siena, in sinergia e collaborazione con l’Inps, stanno monitorando anche le posizioni dei percettori del “reddito di cittadinanza”, il sussidio erogato a soggetti o nuclei familiari in possesso, cumulativamente, al momento della presentazione della domanda e per tutta la durata dell’erogazione del beneficio, di alcuni requisiti specifici, sia soggettivi che econometrici ben precisi. E nel profilo ricostruito del cinquantenne c’era qualcosa che non tornava. Le vincite risalgono al 2019 eppure per quell’anno l’uomo aveva omesso di comunicare la variazione del suo patrimonio mobiliare nonostante i 16 mila euro in più, superando la soglia massima contemplata dalla normativa di settore. Comunicazione all’Inps che è obbligatoriaper ogni cambiamento che comporti il superamento dei limiti reddituali e patrimoniali, incrementabili in ragione del numero di componenti del nucleo familiare, facendovi rientrare le somme acquisite “a seguito di donazione, successione o vincite”. Proprio un iter che invece lo straniero non aveva seguito. 

 


Così è stato denunciato alla procura della repubblica ma non solo. E’ infatti partita la segnalazione all’Inps per il blocco delle successive erogazioni e per il recupero delle somme che erano già state indebitamente percepite. Insomma il cinquantenne ha perso tutto. Forse molti non sanno che le vincite al gioco sono facilmente tracciabili da chi sa dove cercare. In particolare quelle online sono ricostruibili attraverso i controlli dei conti di gioco, dove passano i soldi della vincita in attesa di essere spostati sul conto corrente. Per la Guardia di Finanza dunque è possibile “fotografare” questi spostamenti e ricostruire la filiera. L’attenzione delle Fiamme Gialle è dunque massima per quanto riguarda l’indebito accesso alle prestazioni assistenziali, una circostanza che genera iniquità, mina la coesione sociale danneggiando i cittadini onesti e tutti coloro che hanno davvero bisogno di assistenza per far fronte alle difficoltà economica. “Furbetti” e soggetti che non rispettano le regole legate ai sostegni non solo alla fine vengono scoperti, ma rischiano anche di perdere tutto e restituire i soldi.