Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Salvini su Mps: "No alla svendita, faremo di tutto per evitare che salti un solo posto di lavoro"

Esplora:

Alessandro Lorenzini
  • a
  • a
  • a

Matteo Salvini - in visita a Siena - non si è tirato indietro quando si è trattato di affrontare i temi locali più caldi. A cominciare dal Palio. “Speriamo che il sindaco - ha detto - riesca nel miracolo di restituire ai senesi in autunno il Palio, sarebbe un bel regalo. Ci lavoriamo, sempre in sicurezza”. Quindi il passaggio su Monte dei Paschi: “Escludo che la Lega dia il consenso a qualsiasi ipotesi di svendita accelerata, non è possibile. Se c’è bisogno di qualche anno in più per riportare in equilibrio la banca, la Lega c’è. Nessun tipo di svendita perché lo impone l’Europa. In parlamento e in Europa e ovunque la Lega farà di tutto per evitare che salti un solo posto di lavoro legato a Mps. E’ la banca più antica di tutte, sopravvissuta a due guerre ma non al Pd. Accompagneremo i risparmiatori e i lavoratori sulla via della ripartenza senza svendere. Che poi venga il Pd a spiegare ai senesi come rimediare al disastro fatto da loro è surreale”.

 

 

Affrontato anche il tema dell’obbligo vaccinale e del green pass: “Io sono contro gli obblighi, sono per le libertà, bisogna convincere le persone a tutelare la loro salute. Non è giusto parlare di multe, di divieti di costrizioni, di zone rosse, di liste di proscrizione per i nostri giovani che hanno il diritto di tornare alla vita in normalità. Bisogna tutelare gli 80enni senza massacrare i 15enni. Quando sento parlare di vaccino obbligatorio per i nostri ragazzi che vanno a scuola io dico e dirò sempre no, sulla pelle dei bambini non si scherza. Noi stiamo lavorando giorno e notte per garantire la sicurezza, il vaccino, la vita ai milioni di italiani con più di 60 anni che ancora non hanno fatto il vaccino e che devono essere convinti a tutelare la loro vita completando il piano vaccinale. Parlare di obbligo non fa parte di un paese libero, non ha alcun senso scientifico né culturale. Ognuno deve essere libero di scegliere. Il green pass? Non ha senso. Richiede due dosi di vaccino, vuol dire che tutti gli italiani sotto i 30 anni non possono prendere autobus, andare in pizzeria, in treno. L’obiettivo è mettere in sicurezza gli over 60”.

 

 

Dopo i ringraziamenti ai militanti e i selfie di rito Salvini è ripartito.