Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Monteriggioni, furto nella notte a Castellina Scalo: ladri rubano oro e mangiano anche alcuni yogurt

  • a
  • a
  • a

Si riaffaccia l'incubo dei furti in appartamento nella provincia di Siena. Dopo un periodo di relativa “pace” legato all'emergenza Covid, i malviventi tornano colpire e a fare capolino nelle case, anche in presenza degli inquilini. Nella notte tra l'8 e il 9 luglio, in via Guglielmo Marconi, nella frazione di Castellina Scalo, a Monteriggioni, ignoti hanno preso di mira un'abitazione del secondo piano, in piena notte, verso le 3, mentre la famiglia che vi risiede dormiva.

 

Secondo quanto ricostruito, nonostante i controlli in essere per le strade delle forze dell'ordine, i malviventi si sarebbero arrampicati sulle grondaie forzando la persiana, e da lì si sarebbero introdotti nell'appartamento. Dopo averlo messo completamento a soqquadro, hanno portato via dell'oro giallo, lasciando però intatti altri preziosi, oro bianco e argento. “Hanno aperto anche il frigorifero, consumando alcuni yogurt” racconta il padrone di casa. Che, andato a dormire verso l'una, dopo aver preso una medicina per il mal di testa, si è svegliato verso le 6, trovando l'appartamento sotto sopra. E senza corrente: chi si è intrufolato in casa ha disattivato il quadro generale dell'elettricità. Gli inquilini hanno rinvenuto inoltre alcune borse lasciate appoggiate sulla finestra, pronte per essere riempite di refurtiva: un tipico modus operandi, secondo gli investigatori, dei ladri acrobati di etnia rom.

 

“Non mi sono accorto di niente, e nemmeno mia moglie e i miei figli hanno sentito alcunché. Io ho il sonno leggero e me ne sarei di certo accorto dei rumori. È probabile che ci abbiano spruzzato qualcosa per narcotizzarci” ipotizza. Un'evenienza, questa, che i carabinieri del comando di Poggibonsi, che hanno avviato le indagini, escludono con fermezza, in assenza di specifiche analisi mediche che lo possano certificare. Si configurerebbe infatti la rapina. Ma la famiglia ne è quasi certa: “Sono entrati nel nostro appartamento mentre dormivamo – è quanto scrive su Facebook la moglie - oltretutto addormentandoci con qualche sostanza da definire. Abbiamo ancora i postumi purtroppo” sottolinea la donna, che ha voluto lanciare sui social ai suoi concittadini un grido di allarme.