Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, Mps: gli azionisti approvano il bilancio 2020

  • a
  • a
  • a

Si è conclusa l’assemblea ordinaria e straordinaria degli azionisti di Banca Monte dei Paschi di Siena, che ha approvato il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2020. La perdita evidenziata è pari a 1 miliardo 882 milioni 682.981 euro. A tal riguardo, è stato deliberato di rinviare all’assemblea degli azionisti, che sarà chiamata a deliberare le misure di rafforzamento patrimoniale, le decisioni relative alla riduzione del capitale sociale per tener conto delle perdite pregresse e della perdita dell’esercizio, e di riportare quindi a nuovo la perdita d’esercizio indicata. Il bilancio consolidato del Gruppo Montepaschi si è chiuso invece con una perdita di 1 miliardo 689 milioni 113.097 euro.

 

 

 

 L’Assemblea ha inoltre deliberato di respingere le azioni di responsabilità, promosse dal socio Bluebell Partners, la prima contro alcuni ex-amministratori della banca, con una percentuale del 97,505%, e la seconda nei confronti del Consiglio di amministrazione in carica, con una percentuale del 97,505%.  Sono stati approvati la relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti, nonché il piano di utilizzo di performance shares a servizio del pagamento di severance a favore di personale del Gruppo Montepaschi. Si è poi proceduto a nominare, su proposta del Ministero dell’economia e delle finanze (azionista di maggioranza), Luisa Cevasco quale sindaco effettivo e Francesco Fallacara quale sindaco supplente

 

 


Come già comunicato al mercato il primo aprile, non essendo pervenuto, prima dell’assemblea, il provvedimento di accertamento al cui ottenimento era subordinata la modifica statutaria posta al primo e unico punto all’ordine del giorno della parte straordinaria della tessa assemblea, che aveva ad oggetto “Modifica dell’art. 23 comma 1 dello Statuto sociale; deliberazioni inerenti e conseguenti”, tale argomento non è stato oggetto di trattazione, nè di votazione, La banca si riserva comunque di inserire tale proposta di modifica allo Statuto all’ordine del giorno della parte straordinaria di una successiva assemblea.