Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

David Rossi, via libera alla commissione d'inchiesta: la Camera dei Deputati approva l'istituzione

Esplora:

  • a
  • a
  • a

La Camera dei Deputati ha istituito, con 303 voti a favore e un solo contrario, la commissione parlamentare di inchiesta sulla morte di David Rossi, il responsabile dell’area comunicazione del Monte dei Paschi di Siena, morto il 6 marzo del 2013 dopo essere precipitato dalla finestra del proprio ufficio nella sede storica della banca di Rocca Salimbeni. L’organo di indagine è nato dalla proposta presentata nell’aprile del 2018 dal deputato di Fdi, Walter Rizzetto

 

La commissione ’monocameralè - costituita da 20 deputati, in rappresentanza proporzionale secondo la consistenza numerica dei gruppi - non avrà quindi bisogno di essere votata anche dal Senato. La Commissione che procede alle indagini e agli esami con gli stessi poteri e le stesse limitazioni dell’autorità giudiziaria, avrà tre obiettivi di fondo: ricostruire in maniera puntuale i fatti, le cause e i motivi che portarono alla caduta di David Rossi dalla finestra del proprio ufficio nella sede del Mps di Rocca Salimbeni. Inoltre esaminare e valutare il materiale raccolto dalle inchieste giornalistiche sulla morte di David Rossi e indagare sulle vicende a lui collegate, come denunciate e rese pubbliche attraverso le medesime inchieste. Infine esaminare la compiutezza e l’efficacia dell’attività investigativa, anche valutando se vi siano state eventuali inadempienze o ritardi nella direzione e nello svolgimento delle indagini.

 

«Non c’è nulla di certo nella morte di David Rossi, stando agli elementi giudiziari e giornalistici emersi in questi anni. È dunque molto importante che il Parlamento indaghi su questi fatti: è necessario capire se le vicende del Monte dei Paschi di Siena siano connesse con la tragedia che ha scosso l’intera città toscana. Sono sicuro che la commissione d’inchiesta farà un buon lavoro soprattutto perché tutti i gruppi sono determinati a cercare la verità». È quanto afferma Mario Perantoni, presidente della commissione Giustizia della Camera e deputato M5S.