Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Covid Siena, controlli serrati e tolleranza zero sulla movida

  • a
  • a
  • a

Controlli anti Covid serrati e “tolleranza zero” su tutto il territorio comunale di Siena, nessuna “movida” consentita. La zona rossa impone anche alla polizia municipale di aumentare la presenza sul territorio e, benché il primo approccio del corpo, come sottolinea il comandante Cosimo Tafuro, sia quello informativo, i vigili “non potranno esimersi dal sanzionare chi non rispetterà le regole”.

 


A partite da questa mattina, sei/otto agenti pattuglieranno le vie del centro storico, due automezzi invece si occuperanno delle zone fuori dal centro. “Già da quando la Toscana e Siena – spiega Tafuro - sono entrate in zona arancione, c’è stata un’intensificazione dei controlli coordinati dalla prefettura e dalla questura, sempre in collaborazione con tutte le altre forze di polizia, ed è stata fatta particolare attenzione agli spostamenti. Ci sono state diverse criticità e sanzioni, così come spostamenti in assenza di necessità previste dalle norme, ovvero salute, lavoro o gravi motivi e improrogabili necessità. Con la zona rossa i cittadini potranno soltanto spostarsi per situazioni di grave urgenza”.

 


La polizia municipale in realtà non ha mai cessato il suo impegno. “Il dispositivo che mettiamo in campo - sottolinea il comandante - è sempre di avere un controllo capillare del centro storico, ma non solo. Guardiamo anche agli spazi degli Orti dei Tolomei, Orto dei Pecci, alle situazioni come i quartieri di San Miniato, Pietriccio, Acquacalda, Scacciapensieri e anche le frazioni come Taverne d’Arbia e Isola d’Arbia. Chiaro che nelle parti periferiche la vigilanza sarà dinamica con le pattuglie che sono impegnate, lo ricordo, non solo per quanto riguarda le norme anti Covid, ma pure per tutta una serie di situazioni che vanno dall’incidentistica stradale, alla ricomposizione dei conflitti. Con la riduzione della mobilità, è contestuale la diminuzione di sinistri stradali”.