Cerca
Logo
Cerca
Edicola digitale
+

Siena, sequestro di armi: un arresto e due denunce

  • a
  • a
  • a

Gli agenti delle volanti della Questura di Siena hanno portato a termine un'articolata attività che ha consentito di rinvenire e sequestrare armi illecitamente detenute, nascoste da due pregiudicati in terreni di loro proprietà. L'operazione rientra nell’ambito dei servizi di controllo del territorio attuati dall’Ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della Questura, appositamente predisposti dal questore Costantino Capuano. I poliziotti, coordinati dal dirigente dello stesso Ufficio Fausto Camisa, dopo aver appreso che un pregiudicato di origine calabrese probabilmente deteneva abusivamente un’arma da sparo, hanno effettuato un'immediata perquisizione nella sua abitazione e hanno rinvenuto, occultata in un terreno di pertinenza del suo domicilio, una carabina calibro 22 a canna rigata, smontata in due pezzi, perfettamente funzionante, ma non denunciata. Al termine degli accertamenti, la carabina è stata sequestrata ed il sessantenne è stato deferito alla Procura della Repubblica.

 

 

Il giorno successivo, acquisiti indizi di verosimili ulteriori detenzioni abusive di armi, sono state messe in atto ulteriori attività di controllo a carico di un altro pluripregiudicato dimorante da anni nel Senese. Occultate in un terreno agricolo, gli operatori hanno rinvenuto, perfettamente funzionanti, due doppiette calibro 12 ed una doppietta calibro 8, che sono state sequestrate. Il detentore, un 80enne senese, nella flagranza del reato di abusiva detenzione di ben tre armi comuni da sparo, è stato tratto in arresto e posto in detenzione domiciliare dalla competente autorità giudiziaria, che ha disposto nei suoi confronti anche una idonea misura cautelare.

 

 

Infine, gli agenti hanno anche individuato e denunciato un  27enne residente iin provincia che, dagli accertamenti, è risultato aver collaborato con gli atri due all'illecita movimentazione di armi. L’operazione portata brillantemente a termine dagli uomini delle volanti, ha permesso di sequestrare, e quindi di togliere dalla disponibilità di soggetti pregiudicati, le armi perfettamente funzionanti e di scongiurare la commissione di eventuali reati, in caso di un loro utilizzo.